Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
segnala
06/07/2008

Gravidanza: come prepararsi al meglio


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Roberta Lupi (Radio Radio)
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Gravidanza: come prepararsi al meglio

Scarica l'intervista:
Gravidanza: come prepararsi al meglio
(2.845 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

La gravidanza è l’esperienza più bella e coinvolgente che una donna possa vivere: ma va preparata con attenzione e senso di responsabilità, a livello non solo fisico ma anche emotivo e psicologico, in modo da affrontare la gestazione in piena sicurezza e consentire al piccolo di nascere in un “nido” accogliente da tutti i punti di vista. In questo la medicina moderna può offrire un grande aiuto, ma anche gli stili di vita – e soprattutto un’alimentazione corretta ed equilibrata – possono far sì che la dolce attesa si svolga nel migliore nei modi. Qual è l’aumento di peso ideale durante i nove mesi prima del parto? Quale dieta è bene seguire? Perché è indispensabile effettuare gli esami preconcezionali? A che cosa serve l’acido folico? E che cos’è il “grembo psichico”?
In questa intervista illustriamo:
- perché è importante iniziare la gravidanza in condizioni di peso ottimali;
- come il sovrappeso aumenti il rischio di diabete gestazionale, eccessiva crescita del bambino e parto difficoltoso;
- l’aumento di peso ideale per ciascun trimestre;
- l’alimentazione consigliata e la sua distribuzione nelle diverse ore del giorno;
- perché è bene spostare alla sera l’assunzione di pasta, riso, cereali e legumi;
- quali esami preconcezionali devono effettuare sia la mamma sia il papà, e quali eventuali malattie è necessario diagnosticare con assoluta certezza prima del concepimento;
- l’opportunità, in particolare, di tenere sotto controllo emocromo e glicemia;
- come un’elevata pressione arteriosa possa facilitare l’insorgere dell’eclampsia, con gravi rischi per la donna e il piccolo;
- il ruolo fondamentale dell’acido folico nella prevenzione dei difetti del tubo neurale, dell’anemia e della “grande prematurità, e i più recenti dati scientifici al riguardo;
- l’importanza di maturare – in parallelo alla gestazione biologica – un grembo psichico fatto di desiderio, amore e “sogni a occhi aperti”, che anticipi nel pensiero e nel cuore i tanti momenti belli che i genitori vivranno con il loro bambino e li prepari nel migliore dei modi alla complessa ma appassionante transizione da “coppia” a “famiglia”.

top


Audio e video stream correlati:
Fertilità e gravidanza: come proteggerle dall'infiammazione – Parte 1: fattori dismetabolici
Il lungo e straordinario viaggio della gravidanza – Parte 2
Gravidanza: tutti i consigli per affrontarla bene – Parte 2
Gravidanza: tutti i consigli per affrontarla bene – Parte 1
Primo figlio: qual è per la donna l'età giusta? - Prima parte
Movimento fisico in gravidanza, fonte di benessere per la mamma e il bambino
Taglio cesareo, interruzione di gravidanza, parto in acqua: tutte le risposte alle vostre domande
Come nasce in gravidanza il rapporto fra mamma e bambino: un sondaggio sulla vostra esperienza
La magia della gravidanza: come nasce l'attaccamento fra mamma e bambino
Come diventare genitori senza mandare in crisi la coppia
Sessualità in gravidanza - Seconda parte
Sessualità in gravidanza - Prima parte
Calcio in gravidanza e puerperio: un amico anche del bambino
Il calcio, un alleato fondamentale in gravidanza
Test di gravidanza: come funzionano e perché sono affidabili
Donne e fumo: un'alleanza pericolosa - Prima parte
Emorroidi in gravidanza: fattori biologici e terapie
Diabete in gravidanza: implicazioni e prevenzione

Parole chiave:
Acido folico / Vitamina B9 - Alimentazione e dieta - Esami preconcezionali - Gravidanza - Peso corporeo

segnala

© 2008 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.