Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
13/04/2008

Sessualità in gravidanza - Seconda parte


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Angela Pederiva
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Sessualità in gravidanza - Seconda parte

Scarica l'intervista:
Sessualità in gravidanza - Seconda parte
(1.972 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

La scorsa settimana abbiamo parlato dei timori che molte coppie hanno ad avere rapporti completi durante la gravidanza, e abbiamo visto come le sole vere controindicazioni siano la minaccia d’aborto o di parto prematuro, l’ipercontrattilità uterina, la placenta previa, la dilatazione prematura del collo dell’utero e la rottura prematura delle membrane. A volta, però, i dubbi di ordine medico sono solo un aspetto della crisi evolutiva che la coppia può attraversare con l’arrivo del primo figlio. Per l’uomo, in particolare, la paternità rappresenta un giro di boa cruciale dal punto di vista esistenziale: può suscitare in lui una capacità di tenerezza mai prima sperimentata, ma anche appannare il desiderio per la compagna. Che cosa accade, sul piano relazionale e sessuale, quando un uomo diventa padre per la prima volta? Quale atteggiamento è bene tenere riguardo ai rapporti intimi? Cosa si può fare, quando le difficoltà prendono il sopravvento sulla gioia per il piccolino in arrivo?
In questa intervista illustriamo:
- che cosa significa per un uomo divenire padre: se vissuto bene, questo passaggio può dare un nuovo senso di orgoglio e di responsabilità, e una maggiore capacità di condivisione dei tanti compiti della vita quotidiana;
- come la gravidanza, anche di un bimbo desiderato, possa invece essere vissuta con conflittualità, specialmente dagli uomini più giovani o immaturi, in cui sia ancora forte il desiderio di indipendenza;
- le diverse “fughe” psicologiche che l’uomo può mettere in atto in questi casi: calo del desiderio sessuale, non compensato da alcuna maggiore tenerezza nei confronti della compagna; nuovi innamoramenti; iperinvestimento sul lavoro, lo sport, gli amici;
- cosa può fare la donna per coinvolgere maggiormente il proprio uomo, facendolo sentire prezioso come e più di prima, ed evitando di mostrarsi unicamente concentrata sulla gravidanza e sul bambino;
- i fattori che più influenzano la sessualità della coppia in gravidanza;
- l’importanza che ogni coppia, al di là dei consigli del medico curante, sappia rispettare il proprio modo di vivere il tempo dell’attesa, sia esso contraddistinto da un intatto desiderio reciproco o maggiormente improntato alla tenerezza e all’affettuosità. L’amore si manifesta infatti in tanti modi: ed è saggio rispettare questa unicità, senza voler fare di un unico comportamento uno “standard” valido per tutti.

top


Audio e video stream correlati:
Intimità in gravidanza: quali sono le controindicazioni?
Gravidanza: l'importanza di mantenere il peso forma
Rapporti sessuali e gravidanza: l'atteggiamento del partner
Rapporti sessuali e gravidanza: fisiologia e fattori di rischio
Sessualità in gravidanza - Prima parte

Parole chiave:
Gravidanza - Primo figlio - Rapporto di coppia


© 2008 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.