Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
17/07/2014

Fertilità e gravidanza: come proteggerle dall'infiammazione – Parte 1: fattori dismetabolici


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Fertilità e gravidanza: come proteggerle dall'infiammazione – Parte 1: fattori dismetabolici

Sintesi del video e punti chiave

In Italia, il 44% dei concepimenti avviene ancora per caso e, di questi, il 64% esita in un’interruzione volontaria della gravidanza. Le gestazioni che proseguono, per altro, sono caratterizzate da una totale mancanza di preparazione, da un monitoraggio meno adeguato e da un esito materno e pediatrico al parto e in puerperio meno soddisfacente.
Come ci si dovrebbe preparare alla gravidanza? In che modo la donna può predisporre al meglio non solo il grembo biologico, ma anche il grembo psichico, destinato ad accogliere nell’amore il piccolo che verrà?
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- come l’infiammazione sia un grande nemico della fertilità;
- le situazioni più frequenti in cui la donna è infiammata: disturbi dismetabolici, sovrappeso, obesità, diabete, ma anche  endometriosi e malattie sessualmente trasmesse;
- i due meccanismi attraverso i quali il tessuto adiposo riduce la fertilità: produzione di molecole infiammatorie, che ledono la salute nel suo complesso e dunque anche la capacità di concepire e portare correttamente a termine una gravidanza; minore utilizzo periferico dell’insulina, con anovulazione, cicli irregolari e una maggiore produzione di testosterone;
- le conseguenze estetiche dell’eccesso di testosterone: acne, ipertricosi, irsutismo, capelli grassi, perdita di capelli (alopecia androgenetica);
- tre strategie per proteggere la fertilità e la gravidanza: movimento fisico quotidiano; assunzione di myo-inositolo e chiro-inositolo (in proporzione 40 a 1); assunzione di acido folico;
- come una passeggiata di almeno un’ora al giorno a passo veloce riduca gli indici infiammatori, migliori l’utilizzo periferico dell’insulina, ottimizzi il metabolismo basale, aumenti la leptina, riduca la grelina (che accresce l’appetito per i cibi grassi e dolci), stimoli la produzione di endorfine;
- come l’acido folico, assunto almeno tre mesi prima della gestazione, riduca dell’83% il rischio di difetti del tubo neurale.

Realizzazione tecnica di MedLine.TV

top


Audio e video stream correlati:
Infertilità: fattori di rischio e strategie protettive – Parte 1
Movimento fisico in gravidanza, fonte di benessere per la mamma e il bambino
Fertilità e gravidanza: come proteggerle – Parte 5: assunzione dell'acido folico
Fertilità e gravidanza: come proteggerle dall'infiammazione – Parte 4: clamidia
Fertilità e gravidanza: come proteggerle dall'infiammazione – Parte 3: dolore pelvico cronico
Fertilità e gravidanza: come proteggerle dall'infiammazione – Parte 2: endometriosi
Gravidanza: l'importanza di mantenere il peso forma
Gravidanza: come prepararsi al meglio

Parole chiave:
Fertilità e infertilità - Gravidanza - Infiammazione - Inositoli - Obesità - Ovulazione - Peso corporeo - Sport e movimento fisico - Testosterone


© 2014 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.