Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Elemento angolo titolo sezione1) Audio & Video stream

Androgeni e salute della donna – Parte 1

Tutti sanno che gli androgeni, e in particolare il testosterone e il deidroepiandrosterone (DHEA), sono fondamentali per la salute dell’uomo. Pochi invece sono al corrente del fatto che questi ormoni sono altrettanto importanti per il benessere della donna, soprattutto a livello cerebrale e sessuale.
Qual è il ruolo biologico degli androgeni nell’organismo femminile? Come variano i loro livelli e la loro azione nelle diverse fasi della vita?...

Guarda il video

Mughetti in fiore

Con un pensiero affettuoso
e un augurio di cuore
perché si realizzi
per ognuno di voi
il loro significato profondo:
"Felicità che ritorna".
Elemento angolo titolo sezione2) La tua ginecologa

Taglio cesareo: i rischi a lungo termine

A volte le donne che attendono un figlio chiedono il taglio cesareo per evitare traumi al nascituro. In realtà questa modalità di parto presenta alcuni rischi a lungo termine, sia per la mamma che per il bambino. E’ quindi bene sceglierla solo quando vi sia una precisa indicazione medica. Se invece la gravidanza procede bene, si può senz’altro partorire per via naturale.
In questo articolo la professoressa Graziottin illustra:
- come, nella donna, il taglio cesareo aumenti il rischio di placenta previa e placenta accreta nelle gravidanze successive;
- i gravi pericoli associati a questa anomalie placentari;
- i rischi che il taglio cesareo comporta per la salute del bambino;
- come prepararsi correttamente al parto per via vaginale, in modo da limitare al massimo lo stress del piccolino.

Articolo completo

Elemento angolo titolo sezione3) Primo piano

Cervello viscerale: l'agente segreto della salute

«Il grande Generale non è colui che riporta cento vittorie su cento battaglie, ma colui che vince senza combattere», sosteneva Sun-Tzu, nell’Arte della Guerra, scritto in Cina 2500 anni fa. Aggiungeva: «Conoscere l’altro e se stessi: vittoria senza rischi. Conoscere il terreno e le condizioni ambientali: vittoria su tutti i fronti».
Due principi che ogni medico dovrebbe meditare, anche prima di prescrivere antibiotici, bombe atomiche biologiche, in modo indiscriminato...

Articolo completo

Elemento angolo titolo sezione4) Le vostre domande

Menopausa precoce: si deve curare

“Gentile professoressa, mia madre è andata in menopausa a 36 anni. Adesso ne ha 60 ed è devastata dai dolori causati dall’osteoporosi: deve usare la morfina! I medici le dicono che avrebbe dovuto fare la terapia ormonale. Ma perché non gliel’hanno data prima?”...

Articolo completo

Elemento angolo titolo sezione5) Aggiornamenti scientifici

Graziottin A.
Disturbo post-traumatico da stress post partum e allattamento: correlazioni
“Science News” - Segnalazioni e commenti on line su articoli scientifici di particolare interesse

Valutare l’impatto del disturbo post-traumatico da stress post partum sull’allattamento materno e sul rapporto mamma-bambino: è questo l’obiettivo dello studio coordinato da S. Garthus-Niegel ed espressione della Facoltà di Medicina dell’Università di Dresda, Germania...

Articolo completo

Elemento angolo titolo sezione7) Salute e benessere

Isterectomia: quali conseguenze se si tolgono anche le ovaie?

“Ho 47 anni: i cicli erano sempre più abbondanti, anzi emorragici, per cui sono andata dal ginecologo. Ho l’utero grosso con tanti fibromi cresciuti negli ultimi tre anni (non mi ero fatta più controllare...). Il medico dice che devo togliere l’utero. Per le ovaie: «Signora, decida lei, tanto tra poco va in menopausa!». Già, ma come faccio a decidere? Quali sono i pro e i contro?”...

Articolo completo

Elemento angolo titolo sezione8) Schede mediche

Cicli abbondanti: come riconoscerli? come curarli?

I cicli abbondanti sono una causa frequente e trascurata di anemia da carenza di ferro e di altri importanti sintomi che riducono l’energia vitale e la qualità di vita della donna.
In questa scheda la professoressa Graziottin illustra:
- in che modo si capisce che un ciclo è abbondante;
- le tre principali conseguenze dei cicli emorragici: dolore mestruale, anemia sideropenica, endometriosi;
- quali altri fattori possono contribuire all’anemia da carenza di ferro;
- come accertare il livello di ferro nell’organismo e nel sangue;
- quali esami è bene fare quando le mestruazioni sono eccessive;
- le principali terapie dei flussi abbondanti e dell’anemia.

Articolo completo