Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
30/06/2011

Adolescenti: impatto dell'alcol sulla sessualità e l'affettività


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Adolescenti: impatto dell'alcol sulla sessualità e l'affettività

Scarica l'intervista:
Adolescenti: impatto dell'alcol sulla sessualità e l'affettività
(2.483 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Secondo una recente indagine condotta dalla Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO), su seicento giovani italiani di età compresa fra i 15 e i 30 anni, il 29% dei maschi e il 35% delle femmine affermano di avere una vita sessuale insoddisfacente e lamentano disturbi del desiderio, ansia da prestazione, dubbi e timori sul corretto uso della contraccezione. Ma il dato più inquietante del sondaggio, condotto a Milano, Roma e Napoli, è che una percentuale ancora maggiore di ragazzi ricorre all’alcol per superare il proprio disagio nella sfera sessuale e sentimentale.
Quali sono i dati specifici sul consumo di alcol e droghe emersi dall’inchiesta? Quali rischi corrono questi ragazzi sul piano emotivo e della salute? In che misura le carenze dell’educazione ricevuta in famiglia incidono sulla situazione?
In questa intervista, la professoressa Graziottin illustra:
- le percentuali sul consumo maschile e femminile di bevande alcoliche e stupefacenti;
- come questi dati rivelino, sul fronte maschile, una diffusa fragilità dell’identità sessuale e, in generale, un altissimo profilo di rischio per la salute e la sicurezza personale;
- perché, a parità di dose, l’alcol è più pericoloso per le ragazze;
- come l’abuso di drink aumenti il rischio di rapporti non consenzienti e/o non protetti, concepimenti indesiderati e malattie sessualmente trasmesse;
- l’elevata incidenza di patologie come la Chlamydia e il Papillomavirus;
- gli specifici rischi oncologici legati all’HPV e l’assoluta importanza di vaccinare contro questo virus tutti gli adolescenti, inclusi i maschi;
- come la promiscuità e l’uso indiscriminato che molti giovani fanno del proprio corpo finiscano per soffocare la capacità di amare, di gustare la sensazioni uniche di un rapporto limpido ed esclusivo, e persino di vivere un’intimità davvero appagante anche sul piano fisico;
- le responsabilità dei genitori in questa deriva delle norme;
- la necessità di riscoprire il senso e l’importanza di un’educazione fatta anche di regole e di sanzioni, che contengano e disciplinino l’impulsività autodistruttiva degli adolescenti;
- il contributo di “Scegli tu”, sito della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia, nel diffondere una solida cultura della responsabilità e della prevenzione fra i giovani, i genitori e gli insegnanti.

Per gentile concessione di Nuova Spazio Radio

top

top


Audio e video stream correlati:
Insonnia, fumo e alcol: i tre nemici della funzione sessuale (di lui e di lei)
Alcol, nemico numero uno dell'amore
Adolescenti: la capacità di amare si apprende con gradualità
Mamme ragazzine: come affrontare l'emergenza a livello sociale e individuale
Verso la prima volta: valori femminili e maschili nel mondo di oggi
Verginità femminile: dono prezioso o valore superato? Per una "prima volta" consapevole e sicura
Contraccezione e sessualità oggi in Italia – Parte 2
Malattie sessualmente trasmesse - Parte 4: l'importanza dell'autoprotezione
Malattie sessualmente trasmesse: come proteggere i nostri figli
Contraccezione d'emergenza: un fenomeno in rapida crescita
Alcol, nemico della sessualità e dell'incolumità
Giovani e sesso: i cinque nemici dell'intimità
Adolescenti: come maturare un approccio responsabile alla sessualità
Alcol, droga, narcisismo: la triade infernale di molti giovani d'oggi
Malattie a trasmissione sessuale: quali sono le principali?
Adolescenti e rapporti a rischio: un'emergenza medica e sociale
Alcol e giovani: un fenomeno da non sottovalutare

Parole chiave:
Adolescenti e giovani - Alcol


© 2011 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.