Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
segnala
05/08/2007

Alcol e giovani: un fenomeno da non sottovalutare


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Angela Pederiva
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Alcol e giovani: un fenomeno da non sottovalutare

Scarica l'intervista:
Alcol e giovani: un fenomeno da non sottovalutare
(2.765 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

L’abuso di alcol sta diventano una piaga sociale che coinvolge un numero sempre più elevato di adolescenti: le bevute compulsive e autodistruttive del sabato sera, con il loro frequente e tragico epilogo stradale, ne sono il segnale più evidente. La tendenza non risparmia nessuno: le femmine bevono quanto i maschi, e il loro numero cresce persino più velocemente. Di fronte a un fenomeno così preoccupante, è doveroso che i genitori non abbassino la guardia: perché l’alcolismo compromette la salute, pregiudica l’apprendimento, ostacola lo sviluppo della personalità, precipita le famiglie nella disperazione e aumenta i rischi anche per gli altri, soprattutto a causa degli incidenti provocati dalla guida in stato di ebbrezza.
In questa intervista illustriamo:
- perché l’alcol è così pericoloso per i ragazzi: il cervello dell’adolescente ha una particolare vulnerabilità ai fattori tossici esogeni, ossia che provengono dall’ambiente e sono veicolati nell’organismo anche da stili di vita sbagliati, come è il bere eccessivo;
- come l’alcol agisce sul cervello: interferisce con la crescita della corteccia cerebrale e la formazione delle connessioni nervose, da cui dipendono la memoria, la capacità di apprendere, la curiosità, la voglia di fare e di affrontare con entusiasmo la vita; ostacola lo sviluppo del lobo frontale, che modula e controlla i comportamenti; favorisce la formazione di circuiti neuronali patologici che favoriscono l’abuso stesso;
- il ruolo del lobo frontale nel governare le spinte impulsive – e di per sé sane – mediate dal sistema dopaminergico. Il lobo però va allenato sin dall’infanzia: è fondamentale che i genitori esprimano ben presto dei “no” autorevoli e motivati, in modo da aiutare il bambino a interiorizzare il controllo degli impulsi. Se questo non avviene, con il terremoto ormonale della pubertà i comportamenti si fanno sempre più incontrollabili, soprattutto se poi il ragazzo è dedito all’alcol o alla droga;
- gli altri comportamenti pericolosi associati al “binge drinking”, ossia alle bevute compulsive superiori a 5 bicchieri: scarso rendimento scolastico, fumo, assunzione di droghe, guida ad alta velocità, rapporti sessuali non protetti (con conseguente rischio di gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmesse).
La tendenza a bere alcolici nei giovanissimi può iniziare per gioco, conformismo, timidezza, paura della vita. Ma è sempre un segnale di vulnerabilità, un autentico “allarme rosso” da non sottovalutare mai. E’ quindi importante che i genitori non banalizzino le prime trasgressioni dei figli e abbiano il coraggio di dare loro delle regole, con fermezza e amore.

top


Audio e video stream correlati:
Alcol, nemico numero uno dell'amore
Adolescenti: la capacità di amare si apprende con gradualità
Adolescenti: impatto dell'alcol sulla sessualità e l'affettività
Dall'aborto volontario alla contraccezione: il cammino necessario verso la responsabilità procreativa
Malattie sessualmente trasmesse - Parte 4: l'importanza dell'autoprotezione
Malattie sessualmente trasmesse: come proteggere i nostri figli
Giovani e contraccezione: per una nuova strategia educativa
Giovani e sesso: i cinque nemici dell'intimità
Adolescenti: come maturare un approccio responsabile alla sessualità
Alcol, droga, narcisismo: la triade infernale di molti giovani d'oggi
Adolescenti e rapporti a rischio: un'emergenza medica e sociale

Parole chiave:
Adolescenti e giovani - Alcol - Autocontrollo - Cervello / Sistema nervoso centrale

segnala

© 2007 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.