Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
28/06/2012

Malattie sessualmente trasmesse - Parte 3: Papillomavirus, fattori di rischio e vaccinazione preventiva


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Dott.ssa Nicoletta Orthmann (O.N.Da)
Malattie sessualmente trasmesse - Parte 3: Papillomavirus, fattori di rischio e vaccinazione preventiva

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Secondo un’opinione diffusa, la vaccinazione contro il Papillomavirus (HPV) sarebbe adatta solo alle ragazze molto giovani. Questo però non è assolutamente vero: i dati scientifici dimostrano che il vaccino è efficace fino a 45 anni, e non c’è motivo di pensare che non lo sia anche dopo. Bisogna quindi distinguere le situazioni: alle dodicenni il vaccino viene somministrato sulla base di una strategia di profilassi supportata dal Servizio Sanitario Nazionale, ma tutte le donne hanno interesse a vaccinarsi, per proteggersi da una famiglia di virus estremamente pericolosi.
Quali sono i più importanti fattori di rischio per l’HPV e le altre malattie a trasmissione sessuale? Quali sono le specifiche minacce che il Papillomavirus porta alla gravidanza?
Nella terza parte dell’intervista rilasciata per O.N.Da, Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna, la professoressa Graziottin illustra:
- che cosa si intende quando si parla di “efficacia” di un vaccino;
- le due principali variabili che espongono al rischio di infezione: i rapporti sessuali non protetti dal profilattico; l’abuso di alcol;
- perché il profilattico va usato in ogni tipo di rapporto, sin dall’inizio del rapporto;
- come l’alcol alteri la capacità di giudizio e di cogliere le situazioni di pericolo, esponendo ai rapporti non protetti, promiscui o non voluti, sino al vero e proprio abuso;
- come il virus possa attraversare la placenta, mettendo a repentaglio la salute del feto;
- in che modo il piccolo può infettarsi anche al momento del parto;
- l’importanza che il medico dia alla donna tutte le informazioni necessarie per proteggere la propria salute e quella dei propri bambini.

Per gentile concessione di O.N.Da - Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna

top


Audio e video stream correlati:
Papillomavirus e salute femminile: impatto dell'infezione ed effetti del vaccino
Malattie sessualmente trasmesse - Parte 10: consigli di prevenzione
Malattie sessualmente trasmesse - Parte 9: come affrontare il Papillomavirus
Malattie sessualmente trasmesse - Parte 8: l'epatite B
Malattie sessualmente trasmesse - Parte 7: i fattori di rischio legati al fumo
Malattie sessualmente trasmesse - Parte 6: alcune specifiche modalità di trasmissione
Vaccino anti HPV: si allarga il campo d'azione
Malattie sessualmente trasmesse - Parte 5: i sintomi e i segni
Malattie sessualmente trasmesse - Parte 4: l'importanza dell'autoprotezione
Malattie sessualmente trasmesse - Parte 2: il Papillomavirus
Malattie sessualmente trasmesse - Parte 1: modalità di contagio, tempi di latenza
Papillomavirus: il raggio d'azione del vaccino
Papillomavirus: quando e perché vaccinarsi

Parole chiave:
Alcol - Gravidanza - Malattie sessualmente trasmesse - Papillomavirus - Profilattico - Vaccino anti HPV


© 2012 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.