Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
21/02/2013

La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 9: approfondimenti sulle indicazioni


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

Conferenza stampa tenuta dalla professoressa Graziottin il 24 ottobre 2012 a Milano
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 9: approfondimenti sulle indicazioni

Sintesi del video e punti chiave

Ci avviamo al termine dell’ampia e documentatissima conferenza stampa recentemente tenuta dalla professoressa Graziottin sui benefici della terapia ormonale sostitutiva (TOS). Questa puntata e la prossima, conclusiva, saranno dedicate alle numerose domande poste dai giornalisti, che hanno permesso di riprendere e approfondire alcuni dei punti più significativi toccati nel corso della relazione. Una delle indicazioni più importanti riguarda ancora una volta la necessità, per i medici, di leggere in modo corretto e completo i risultati degli studi scientifici, senza accontentarsi delle sintesi – spesso allarmistiche e parziali – che compaiono sui media.
Come si devono interpretare gli studi che sconsigliano la terapia ormonale sostitutiva nella prevenzione dell’osteoporosi? Perché solo il 3% delle donne italiane in menopausa assume gli ormoni, contro il 56% delle ginecologhe italiane e l’86% delle ginecologhe del Nord Europa? Per quanti anni è bene continuare la terapia?
La professoressa Graziottin illustra:
- ciò che realmente dicono le ricerche internazionali, a partire dalla Women’s Health Initiative (WHI), su TOS e osteoporosi: la terapia non va prescritta, con finalità preventive, alle donne asintomatiche e di età avanzata;
- perché, al contrario, la TOS è indicatissima nelle donne sintomatiche e subito dopo la menopausa;
- che cosa s’intende, in particolare, per “citoarchitettura” dei tessuti, e il ruolo degli ormoni nel preservarla;
- la “collusione della paura” che, in Italia, ostacola l’accesso di tante donne a terapie sicure ed efficaci;
- perché fra le ginecologhe italiane la percentuale di assunzione è molto maggiore che fra le loro pazienti;
- le possibilità di scelta dopo i primi dieci anni di terapia;
- che cos’è il DHEA (deidroepiandrosterone) e quali benefici comporta;
- perché la TOS è utile anche se fatta per pochi anni.

Realizzazione tecnica di MedLine.TV

top

Per approfondire

Schierbeck LL, Rejnmark L, Tofteng CL, Stilgren L, Eiken P, Mosekilde L, Køber L, Jensen JE.
Effect of hormone replacement therapy on cardiovascular events in recently postmenopausal women: randomised trial
BMJ. 2012 Oct 9; 345: e6409. doi: 10.1136/bmj.e6409

top


Audio e video stream correlati:
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 10: messaggi chiave e conclusioni
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 8: chi può farla in piena sicurezza?
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 7: impatto sui costi sanitari
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 6: effetti sul sistema nervoso centrale e sulle articolazioni
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 5: che cosa dice veramente la Women's Health Initiative (WHI)
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 4: evidenze fisiopatologiche
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 3: gli altri studi
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 2: rischio cardiovascolare
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 1: aspetti generali

Parole chiave:
DHEA (deidroepiandrosterone) / DHEA-S (deidroepiandrosterone solfato) - Menopausa / Sintomi menopausali - Osteoporosi e osteopenia - Terapia ormonale sostitutiva


© 2013 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.