Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
14/02/2013

La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 8: chi può farla in piena sicurezza?


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

Conferenza stampa tenuta dalla professoressa Graziottin il 24 ottobre 2012 a Milano
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 8: chi può farla in piena sicurezza?

Sintesi del video e punti chiave

La medicina moderna sta allungando in misura significativa l’aspettativa di vita: ma poiché a questo non corrisponde un proporzionale ampliamento dell’aspettativa di salute, il risultato è che aumentano gli anni di malattia. Per potenziare anche la propria aspettativa di salute, la donna deve adottare stili di vita sanissimi fin dalla giovinezza, amare la vita – arricchendola di interessi e buone relazioni – e, quando non sussistano controindicazioni maggiori, assumere la terapia ormonale sostitutiva subito dopo la menopausa. E’ infatti dimostrato che la TOS allunga l’aspettativa di salute di 10-15 anni: al contrario, non darla significa condannare molte donne a un lungo destino di sofferenza, invalidità e dipendenza, per non parlare degli enormi costi da sostenere per i più svariati farmaci sintomatici.
Anche gli ormoni però, come tutti i farmaci, hanno le loro controindicazioni: quali donne, dunque, possono fare la terapia sistemica in piena sicurezza?
Nell’ottava e ultima parte della sua relazione, la professoressa Graziottin illustra:
- a quali condizioni si può accedere senz’altro alla TOS, in assenza di controindicazioni maggiori;
- quando occorre una maggiore attenzione clinica, ed è indispensabile che la donna adotti – almeno dalla menopausa in poi – stili di vita più sani;
- in quali casi la TOS è assolutamente controindicata: forti fumatrici, obese, ipertese, ipercolesterolemiche;
- come la terapia sistemica – data all’età giusta, con gli ormoni giusti, nelle dosi giuste – elimini i sintomi della menopausa, migliori la qualità di vita e, allungando l’aspettativa di salute, riduca i costi quantizzabili e non quantizzabili dell’assistenza medica.

Realizzazione tecnica di MedLine.TV

top

Per approfondire

Schierbeck LL, Rejnmark L, Tofteng CL, Stilgren L, Eiken P, Mosekilde L, Køber L, Jensen JE.
Effect of hormone replacement therapy on cardiovascular events in recently postmenopausal women: randomised trial
BMJ. 2012 Oct 9; 345: e6409. doi: 10.1136/bmj.e6409

top


Audio e video stream correlati:
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 10: messaggi chiave e conclusioni
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 9: approfondimenti sulle indicazioni
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 7: impatto sui costi sanitari
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 6: effetti sul sistema nervoso centrale e sulle articolazioni
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 5: che cosa dice veramente la Women's Health Initiative (WHI)
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 4: evidenze fisiopatologiche
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 3: gli altri studi
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 2: rischio cardiovascolare
La rivincita della terapia ormonale sostitutiva – Parte 1: aspetti generali

Parole chiave:
Menopausa / Sintomi menopausali - Terapia ormonale sostitutiva


© 2013 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.