EN

Sintomi genito-urinari della menopausa: i benefici del testosterone

Sintomi genito-urinari della menopausa: i benefici del testosterone

18/02/2021

Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Sintesi del video e punti chiave

Il testosterone è un ormone maschile, ma è presente anche nel corpo della donna. Viene prodotto dall’ovaio e dal surrene, ha un picco intorno ai 20 anni e poi si riduce progressivamente con l’età. La sua carenza può contribuire all’insorgere di numerosi problemi legati alla menopausa; al contrario, la sua somministrazione sotto controllo medico protegge la funzionalità dell’apparato urinario e genitale.
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- di quanto si riducono i livelli di testosterone con la menopausa naturale e con l’asportazione chirurgica delle ovaie;
- i due tipi di testosterone che possono essere utilizzati, in pomata, per la terapia locale della sindrome genito-urinaria della menopausa;
- in che modo e perché il testosterone protegge il trofismo della vulva e della vagina;
- gli ulteriori effetti del testosterone, in sinergia con gli estrogeni e sani stili di vita, sulla risposta sessuale, sul tono dei muscoli pelvici e sulla funzionalità della vescica;
- che cosa sono, in particolare, i corpi cavernosi e perché, se ben nutriti, proteggono l’uretra dal trauma meccanico della penetrazione, prevenendo le cistiti post coitali;
- come le terapie locali a base di testosterone debbano sempre essere prescritte dal ginecologo con ricetta non ripetibile, ossia da conservarsi a cura del farmacista.

Realizzazione tecnica di Monica Sansone

Parole chiave:
Menopausa / Sintomi menopausali Menopausa precoce iatrogena Sindrome genito-urinaria della menopausa Terapia ormonale locale Testosterone

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato su questo e altri temi di salute e benessere con la nostra newsletter quindicinale

Iscriviti alla newsletter