Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
14/07/2011

Coito interrotto: una pratica totalmente inaffidabile


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Coito interrotto: una pratica totalmente inaffidabile

Sintesi del video e punti chiave

Molti ragazzi credono che il coito interrotto sia un buon metodo contraccettivo: e invece è totalmente inaffidabile, anche sul fronte della prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse. Insistere per adottarlo è solo un indice di scarsa intelligenza, e di insensibilità verso la sicurezza propria e della partner.
Quali sono i rischi connessi al coito interrotto? Che cosa dovrebbe fare la ragazza, in questi casi?
In questa “Love FAQ” in collaborazione con Deejay TV, la professoressa Graziottin illustra:
- come questa pratica non metta al sicuro né dai concepimenti indesiderati, né dalle infezioni sessuali;
- perché un giovane che preferisce questo metodo dimostra di capire poco i pericoli connessi ai rapporti non protetti;
- che cosa sarebbe meglio che facesse la ragazzina, in questi spiacevoli casi.

Per gentile concessione di Deejay TV

top


Audio e video stream correlati:
Pillola contraccettiva e pillola del giorno dopo: quali differenze?
Adolescenti e rapporti sessuali: indispensabile proteggersi anche la prima volta
Lavarsi dopo il rapporto non protegge dai concepimenti indesiderati
Rapporti intimi: ragazze, attente agli incidenti!
Contraccezione: esiste una pillola anche per l'uomo?
Pillola a 21 e 28 giorni: quali differenze?
Pillola contraccettiva: che cosa fare se si tende a dimenticarla
Pillola al drospirenone: la più amata dalle giovani
Ciclo e ovulazione: nessun giorno è sicuro
Adolescenti e malattie sessualmente trasmesse: quali esami fare per una prevenzione ottimale?
Esiste l'età giusta per la prima volta?

Parole chiave:
Adolescenti e giovani - Rapporti sessuali


© 2011 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.