Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
07/04/2011

Pillola a 21 e 28 giorni: quali differenze?


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Pillola a 21 e 28 giorni: quali differenze?

Sintesi del video e punti chiave

La pillola contraccettiva a 28 giorni è una novità emersa negli ultimi anni. Quali sono le differenze rispetto alla pillola tradizionale a 21 giorni? E’ quanto si chiedono molte ragazze che, con senso di responsabilità, desiderano adottare la strategia anticoncezionale più sicura.
In questa “Love FAQ” in collaborazione con Deejay TV, la professoressa Graziottin illustra:
- il profilo di assunzione delle due pillole;
- che cosa sono le “pillole placebo” e perché favoriscono la regolarità di assunzione anche da parte delle più distratte;
- la confezione della pillola al drospirenone;
- la disponibilità della formula a 28 giorni per le altre pillole in commercio;
- come la scelta della pillola su misura per ogni singola donna non dipenda tanto dal numero dei giorni di assunzione, quanto dal tipo e dal dosaggio dell’estrogeno e del progestinico in essa contenuti.

Per gentile concessione di Deejay TV

top


Audio e video stream correlati:
Pillola al drospirenone: l'arma giusta contro la sindrome premestruale
Pillola contraccettiva: che cosa fare se si tende a dimenticarla
Pillola al drospirenone: la più amata dalle giovani
Sport e voglia di vincere - Parte 4: La pillola, una grande amica delle sportive

Parole chiave:
Pillola al drospirenone - Pillola contraccettiva - Pillola contraccettiva a 28 giorni


© 2011 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.