Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
06/11/2014

Vaginiti e cistiti recidivanti: un nuovo modo di combatterle – Parte 1


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Vaginiti e cistiti recidivanti: un nuovo modo di combatterle – Parte 1

Sintesi del video e punti chiave

Sun Tzu, nel trattato “L’arte della guerra”, dice: «Il grande comandante non è colui che riporta cento vittorie in cento battaglie, ma colui che vince senza combattere». E aggiunge: «Se conosci l’altro e te stesso, vinci. Se conosci l’altro, te stesso e il terreno su cui combatti, vinci su tutti i fronti».
Queste regole di strategia militare sono valide anche in medicina: per esempio, aggredire le cistiti e le vaginiti recidivanti con dosi sempre più massicce di antibiotici, e per tempi sempre più lunghi, attenua l’infiammazione nel breve termine ma, alla lunga, porta alla distruzione indiscriminata degli ecosistemi e allo sviluppo di resistenze batteriche sempre più problematiche. L’approccio vincente non consiste nello scontro frontale, ma in un’azione innovativa a livello dei biofilm, ossia delle “cittadelle” batteriche che abitano il nostro corpo.
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- come i microrganismi che tutti noi ospitiamo possano dare origine a comunità amiche o nemiche della nostra salute;
- che cos’è un biofilm;
- come un biofilm patogeno possa essere extracellulare (come avviene, per esempio, in vagina) o intracellulare (tipicamente, in vescica);
- come si struttura un biofilm extracellulare, e che cosa fanno i batteri che lo popolano;
- perché i batteri che risiedono nella parte più profonda del biofilm, noti anche come “persister cells”, pur essendo quasi inattivi dal punto di vista metabolico sono i più insidiosi;
- quali informazioni vengono scambiate fra questi batteri e quelli superficiali, e perché questo dialogo riduce l’efficacia degli antibiotici e, più in generale, l’efficienza del nostro sistema immunitario, favorendo la recidività delle infezioni;
- che cosa accade quando la momentanea azione dell’antibiotico si esaurisce e la vitalità della colonia batterica riprende il sopravvento;
- come la tipizzazione del germe confermi che la vaginite recidivante è quasi sempre provocata dallo stesso ceppo batterico ed è dunque determinata, più che da una nuova infezione esogena, da una riattivazione endogena delle persister cell.

Realizzazione tecnica di MedLine.TV

top


Audio e video stream correlati:
Prevenzione della cistite: essenziale la salute dell'intestino
Cistite: sintomi e cause
Cistiti e vaginiti recidivanti: nuove frontiere terapeutiche – Parte 2
Cistiti e vaginiti recidivanti: nuove frontiere terapeutiche – Parte 1
Destro mannosio: un rimedio efficace contro le cistiti e le vaginiti recidivanti
Cistite recidivante post coitale: una strategia di cura integrata
Vaginiti e cistiti recidivanti: un nuovo modo di combatterle – Parte 3
Vaginiti e cistiti recidivanti: un nuovo modo di combatterle – Parte 2
Vaginiti e cistiti: quattro rimedi naturali per vincere le recidive
Dolore urogenitale nella donna: strategie di prevenzione e di cura

Parole chiave:
Biofilm patogeni - Cistite / Cistite recidivante - Vaginite / Vaginite recidivante


© 2014 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.