Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
01/12/2016

Cistite: sintomi e cause


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano
Cistite: sintomi e cause

Sintesi del video e punti chiave

La cistite si manifesta con numerosi sintomi e riconosce cause diverse. “Infiammazione”, tuttavia, non significa automaticamente “infezione”: i fattori scatenanti possono infatti essere anche di natura non infettiva. Una storia clinica accurata e gli esami più appropriati aiuteranno il medico a formulare una corretta diagnosi differenziale e a impostare una terapia efficace.
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- i sintomi più importanti e frequenti della cistite: bisogno continuo di urinare, con minzione a gocce, bruciore e dolore; dolore sovrapubico, che segnala l’infiammazione dei tessuti che circondano la vescica; perdite di sangue (ematuria) più o meno evidenti; urina di colore torbido e odore sgradevole;
- come la cistite possa essere provocata da fattori infettivi e non infettivi;
- le cause infettive: batteri (Escherichia coli, Enterococcus faecalis, Klebsiella), virus, funghi (Candida);
- le principali cause non infettive: radioterapia pelvica, chemioterapia.

Realizzazione tecnica di We-Wellness

top


Audio e video stream correlati:
Sintomi vescicali: perché peggiorano con le mestruazioni
Salute della vescica: consigli pratici
Prevenzione della cistite: essenziale la salute dell'intestino
Vaginiti e cistiti recidivanti: un nuovo modo di combatterle – Parte 3
Vaginiti e cistiti recidivanti: un nuovo modo di combatterle – Parte 2
Vaginiti e cistiti recidivanti: un nuovo modo di combatterle – Parte 1
Vaginiti e cistiti: quattro rimedi naturali per vincere le recidive
Dolore urogenitale nella donna: strategie di prevenzione e di cura

Parole chiave:
Cistite / Cistite recidivante - Disturbi urinari - Infezione - Infiammazione


© 2016 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.