EN

Ormoni amici del desiderio: l’ossitocina

Ormoni amici del desiderio: l’ossitocina

01/10/2020

Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Sintesi del video e punti chiave

L’ossitocina è un neurormone che scrive nel nostro cervello il nome e il volto delle persone che ci amano e che amiamo, e che a qualsiasi titolo ci rendono felici. Aumenta quando la donna partorisce e la mamma allatta il suo bambino, e dopo l’orgasmo con la persona desiderata. Opera in tandem con un altro neurormone, la vasopressina.
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- come l’ossitocina venga liberata massicciamente nel nostro cervello ogni volta che accade qualcosa di particolarmente significativo per la nostra felicità;
- i tre momenti magici dell’ossitocina nel rapporto fra madre e neonato: il parto, l’allattamento al seno, la ninna-nanna prima di dormire;
- qual è, in particolare il ruolo dell’ossitocina durante il travaglio di parto;
- come durante l’allattamento l’ossitocina agisca sia sulla madre sia sul bambino, ponendo le basi neurochimiche sicure del loro attaccamento affettivo;
- che cosa accade al momento dell’orgasmo nell’uomo e nella donna;
- come la vasopressina agisca soprattutto nel maschio, e moduli il senso di possesso nei confronti della donna amata.

Realizzazione tecnica di Monica Sansone

Parole chiave:
Allattamento / Svezzamento Attaccamento affettivo Desiderio Orgasmo Ossitocina Parto vaginale / Parto cesareo Rapporto mamma-bambino

Iscriviti alla newsletter