EN

Eiaculazione precoce: un problema sottovalutato – Parte 10: Impatto sull'orgasmo femminile

Eiaculazione precoce: un problema sottovalutato – Parte 10: Impatto sull'orgasmo femminile

18/04/2019

Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Sintesi del video e punti chiave

La donna può talvolta lamentare, con la propria ginecologa, una pressoché totale mancanza di orgasmo. Il primo passo diagnostico da compiere, in questi casi, è verificare se sussistano fattori femminili all’origine del disturbo. Se la donna però è sana, la causa dell’anorgasmia potrebbe essere la precocità del partner.
In questo video la professoressa Graziottin illustra:
- che cosa significano, in sessuologia medica, le espressioni “induttore del sintomo” e “portatore del sintomo”;
- perché l’eiaculazione precoce può determinare nella donna un’incapacità più o meno marcata di raggiungere l’orgasmo vaginale;
- l’importanza di arrivare a una corretta diagnosi differenziale dei motivi fisici e psicologici di tale precocità;
- come oggi esistano cure efficaci, maneggevoli e sicure dell’eiaculazione precoce;
- modalità d’impiego e tempo d’azione dello spray locale a base di lidocaina e prilocaina;
- le figure mediche coinvolte nel processo di diagnosi e cura.

Per gentile concessione di M.D. webtv

Parole chiave:
Diagnosi differenziale Disturbi dell'orgasmo / Anorgasmia Disturbi sessuali femminili Disturbi sessuali maschili Eiaculazione precoce Rapporto di coppia Terapia medica

Iscriviti alla newsletter