Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
segnala
18/01/2009

Pillola contraccettiva: la vostra esperienza è preziosa


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Roberta Lupi e Valeria Colangelo (Radio Radio)
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Pillola contraccettiva: la vostra esperienza è preziosa

Scarica l'intervista:
Pillola contraccettiva: la vostra esperienza è preziosa
(3.200 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Contribuire a migliorare la protezione contraccettiva e il benessere delle donne italiane: è questo l’obiettivo del questionario “Pillola contraccettiva: la vostra esperienza è preziosa”, sviluppato in collaborazione con il sito Scegli Tu, della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO), e pubblicato sul sito della Fondazione Alessandra Graziottin per la cura del dolore nella donna – Onlus.
Per molte donne, la pillola non è soltanto un pilastro della libertà e della sicurezza sessuale, ma rappresenta anche una soluzione semplice ed efficace per numerosi disturbi, al punto che si parla di vera e propria “terapia contraccettiva”. Il sondaggio, quindi, si propone di indagare i più significativi vantaggi della pillola sul fronte contraccettivo e della salute, gli eventuali effetti indesiderati e ogni possibile area di miglioramento dal punto di vista terapeutico. Una finalità tanto più importante nel nostro Paese, in cui solo il 16% delle donne usa la pillola (contro una media europea del 40-45%). I dati del questionario saranno incrociati con i risultati di studi analoghi condotti da altre società scientifiche ed enti di ricerca.
Quali sono i vantaggi che si vogliono approfondire in particolare? E’ vero che la pillola è un prezioso alleato anche per le donne in premenopausa? Quali sono gli ambiti della salute in cui è ancora possibile un miglioramento? Il partner partecipa alle scelte contraccettive della donna?
In questa intervista illustriamo:
- i punti forti della pillola in termini di facilità d’uso, sicurezza contraccettiva e miglioramento della sessualità;
- le principali patologie che la contraccezione ormonale contribuisce a curare: dolore mestruale (dismenorrea), flusso abbondante o addirittura emorragico (metrorragia), cisti ovariche, micropolicistosi ovarica (che a sua volta provoca acne, alopecia, ipertricosi, irsutismo, aumento di peso), sintomi premestruali (soprattutto per le donne fra i 30 e i 40 anni), sintomi premenopausali (per le “over 40”);
- i più comuni effetti collaterali della pillola (ritenzione idrica, cefalea, tensione mammaria, secchezza vaginale, nausea) e i disturbi che, in futuro, potrebbero essere risolti con maggior efficacia (sintomi premestruali, patologie del ciclo, disfunzioni sessuali);
- come gli studi sinora condotti dimostrino che molte donne scelgono il contraccettivo in piena autonomia, mentre altre condividono la decisione con il partner;
- l’importanza, per le donne single o in coppia non stabile, di usare sempre anche il profilattico, per la prevenzione della malattie sessualmente trasmesse.

top


Audio e video stream correlati:
Dall'aborto volontario alla contraccezione: il cammino necessario verso la responsabilità procreativa
Cura dell'ipertensione: il contributo della pillola contraccettiva
Contraccezione ormonale: tutti i vantaggi per le donne da 40 a 50 anni
Contraccezione ormonale: le opzioni migliori per le donne fra i 25 e i 45 anni
Contraccezione ormonale: vie di somministrazione e vantaggi per la salute
Una contraccezione su misura per ogni età e ogni esigenza
Contraccezione ormonale: i criteri di scelta
Contraccezione ormonale e sessualità

Parole chiave:
Dolore mestruale / Dismenorrea - Mestruazioni / Disturbi mestruali - Micropolicistosi ovarica - Pillola contraccettiva - Salute femminile

segnala

© 2009 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.