Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
18/11/2007

Dormire meglio aiuta a stare in forma


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Angela Pederiva
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Dormire meglio aiuta a stare in forma

Scarica l'intervista:
Dormire meglio aiuta a stare in forma
(3.007 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Conservare un peso accettabile e soprattutto costante: è il problema di moltissime donne, sempre alle prese con la dieta. L’alimentazione, però, non è l’unica arma su cui possano contare: anche il sonno, infatti, può giocare un ruolo importante per tenere a bada i chili di troppo. Tant’è vero che spesso, in vacanza, dormendo di più e meglio, si riesce a mantenere più facilmente la linea, purché a tavola non si esageri e si faccia ogni giorno un po’ di movimento fisico. Quali fattori legano il sonno al peso corporeo? Che cosa si può fare per potenziare l’effetto delle ore di riposo?
In questa intervista illustriamo:
- come un sonno adeguato per quantità e qualità possa combattere l’aumento degli ormoni dello stress (cortisolo e adrenalina), stimolati dagli impegni quotidiani e responsabili di un maggior bisogno di cibi ad alto contenuto energetico. Viceversa, se il sonno non è sufficiente, scatta il bisogno di mille spuntini fuori orario, per “tirarsi su”, con ovvie conseguenze sulla linea;
- la tendenza degli ormoni dello stress ad aumentare in particolare il bisogno di cioccolato: questo dà una sensazione temporanea di ricarica, ma l’aumento acuto del glucosio scatena un immediato contropicco di insulina. Questa, da un lato, abbassa bruscamente la glicemia rinnovando rapidamente il bisogno di dolci e, dall’altro, facilita la trasformazione dello zucchero in grasso;
- l’influsso del sonno sui livelli di due sostanze neurochimiche di segno opposto: la leptina, che deprime l’appetito, e la ghrelina, che invece lo stimola. Quando il sonno si riduce, la leptina cala e la ghrelina aumenta: si ha più fame e si cercano cibi più energetici. Se invece ogni notte si riesce a riposare per almeno otto ore, la leptina riprende il sopravvento e si mangia di meno;
- l’influenza positiva che il riposo esercita non solo sul buonumore, ma anche sulla bellezza, perché migliora i tratti del viso e l’espressione di relax generale: al punto che in molti centri benessere si stanno diffondendo aree dedicate al sonno dopo il massaggio;
- la necessità di recuperare, per chi non può permettersi vacanze costose, almeno una mezz’ora in più di riposo ogni notte. Questo è molto importante soprattutto per i bambini e gli adolescenti, che invece vanno a dormire sempre più tardi con il risultato di perdere smalto e concentrazione;
- l’importanza di cenare presto, con cibi leggeri e soprattutto pochissimo alcol. Questo produce infatti un effetto “paradosso”: subito fa dormire, perché agisce sul cervello come un narcotico, ma poi induce un sonno superficiale e di scarsa qualità;
- alcune piccole “liturgie” da mettere in atto prima di andare a dormire;
- l’opportunità, se si ha un bambino, di dedicargli ogni sera un po’ di tempo per una fiaba o due chiacchiere insieme: una piccola attenzione che consente al piccolo di superare la paura della notte, e che rilassa anche i genitori.

top


Audio e video stream correlati:
Il sonno, grande alleato della sessualità (di lui e di lei)
Rispetto del sonno e ascolto dei sogni: due preziosi alleati della salute fisica e psichica
Qualità del sonno e controllo della linea: un'alleanza efficace e poco conosciuta
Stanchezza patologica: che cosa la scatena, come contrastarla
Depressione post partum: i rischi per la mamma e per il bambino
Mal d'aereo: uno scomodo compagno di viaggio
Regaliamo una fiaba ai nostri bambini
Il sonno, amico della salute
Se la stanchezza diventa patologica

Parole chiave:
Alimentazione e dieta - Peso corporeo - Salute femminile - Sonno, insonnia e disturbi del sonno


© 2007 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.