Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
09/09/2007

Regaliamo una fiaba ai nostri bambini


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Angela Pederiva
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Regaliamo una fiaba ai nostri bambini

Scarica l'intervista:
Regaliamo una fiaba ai nostri bambini
(2.122 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Come stare vicini al proprio bambino, quando si lavora fuori casa otto-dieci ore al giorno? E’ la domanda preoccupata di molte mamme assalite dai sensi di colpa. Un interrogativo a lungo sottovalutato in nome della “qualità” del rapporto con i figli, quando i fatti invece dimostrano che ciò che conta è anche la quantità del tempo loro dedicato in concreto, giorno dopo giorno. C’è però una soluzione semplice ed efficace: registrare delle fiabe da far ascoltare al piccolo durante la giornata. Con un pizzico di pazienza, tutti possono imparare a raccontare una storia con dolcezza e calore: basta esercitarsi un po’.
In questa intervista illustriamo:
- il meccanismo psicologico in base al quale l’assenza dei genitori, e soprattutto della mamma, può provocare nei bambini un forte stress, specie in quelli di carattere più ansioso;
- il potere straordinario della voce umana di far sentire presente una persona fisicamente lontana, e di acquietare le ansie più profonde del bambino. Questo, a maggior ragione, è vero per la voce della mamma o del papà, ed è per questo motivo che il racconto non va delegato ai vari CD di fiabe disponibili in commercio;
- come scegliere le fiabe: è essenziale che – per argomento e modalità narrativa – siano adatte all’età;
- come iniziare: leggendo le fiabe alla sera, prima che il bambino vada a dormire, prendendosi il tempo necessario e crescendo poco per volta nella capacità di dare colore e vivacità alla narrazione;
- l’importanza di accompagnare la lettura con un gesto affettuoso – una carezza, un bacio – per far sentire al bambino quanto sia prezioso e creare una potente sinergia con la voce che narra e rassicura;
- il momento in cui il bambino sceglierà spontaneamente la sua fiaba preferita, ossia quella che offre la risposta emotiva più rasserenante agli interrogativi e spesso alle ansie che egli porta silenziosamente dentro di sé. A quel punto punto la “gestazione psichica” è terminata, e la mamma è pronta a registrare la fiaba;
- le occasioni migliori per far ascoltare il racconto durante la giornata;
- l’effetto calmante che questo processo può avere anche per i genitori, perché attenua i sensi di colpa e aiuta ad entrare in dialogo profondo con il bambino.

top


Audio e video stream correlati:
Dare voce a chi non ha voce: dalla parte dei piccoli
Dormire meglio aiuta a stare in forma
Giochi femminili nel bambino: che cosa significano?
Difendiamo i nostri bambini dai lupi della Rete

Parole chiave:
Bambini - Fiabe


© 2007 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.