EN

Cistite: che cosa la provoca, come si cura – Parte 1

Cistite: che cosa la provoca, come si cura – Parte 1

19/05/2016

Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Sintesi dell'intervista e punti chiave

La cistite è un’infiammazione della vescica che può essere causata da fattori infettivi (principalmente batteri), chimici e fisici. E’ accompagnata da un’ampia serie di sintomi e può essere recidivante, ossia ricorrente nel tempo. E’ più frequente nelle donne che negli uomini, ed è favorita da un uso indiscriminato di antibiotici.
Nella prima parte di questa intervista, la professoressa Graziottin illustra:
- i sintomi della cistite: dolore, bruciore, frequenza e urgenza minzionale, dolora sovrapubico, ematuria (presenza di sangue nell’urina);
- in quali casi la cistite viene considerata ricorrente;
- come il 60 per cento delle cistiti recidivanti sia di origine post coitale, e compaia 24-72 ore dopo il rapporto;
- qual è, nella maggior parte dei casi, il batterio responsabile dell’infezione;
- le due vie lungo le quali i germi possono raggiungere la vescica: dai genitali esterni, attraverso l’uretra; dall’intestino, attraverso la barriera intestinale;
- come la brevità dell’uretra femminile spieghi in parte la maggiore incidenza della cistite fra le donne;
- alcuni consigli di igiene intima per evitare l’infezione di provenienza esterna;
- perché e in che modo i germi possono anche attraversare la barriera intestinale, aggredendo la vescica e la vagina;
- come l’alterazione dell’ecosistema gastrointestinale determinato dagli antibiotici predisponga alla cistite in due modi principali: favorendo l’accrescimento e la virulentazione di germi normalmente minoritari, fra i quali la Candida; violando l’integrità della barriera intestinale.

Per gentile concessione di Radio Gamma Cinque

Parole chiave:
Cistite / Cistite recidivante Cistite post coitale Infiammazione Microbiota intestinale Traslocazione batterica

Iscriviti alla newsletter