Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
19/04/2012

Cerotto contraccettivo, quando è la scelta migliore


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Cerotto contraccettivo, quando è la scelta migliore

Sintesi del video e punti chiave

Intolleranza al lattosio, celiachia, disturbi del comportamento alimentare, uso non corretto di lassativi: sono situazioni che possono sconsigliare il ricorso alla pillola contraccettiva. In tutti questi casi, la risposta anticoncezionale giusta è costituita dal cerotto transdermico o dall’anello vaginale.
Perché la pillola non è indicata in questi casi? Cerotto e anello sono del tutto equivalenti?
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- come fra gli eccipienti della pillola figuri anche il lattosio, che nei soggetti predisposti può provocare una risposta infiammatoria;
- come, di converso, l’accelerato transito intestinale associato a certe patologie o a determinati stili di vita riduca l’efficacia contraccettiva del farmaco;
- perché il cerotto transdermico e l’anello vaginale sono la risposta giusta per tutte le donne che abbiano questi problemi;
- quando è meglio ricorrere al cerotto piuttosto che all’anello.

Per gentile concessione di Doctor2+ (Class Tv MsNbc)

top


Audio e video stream correlati:
Contraccezione in viaggio: qual è il metodo più sicuro?
Disturbi gastrointestinali: qual è il metodo contraccettivo più indicato?
Efficacia contraccettiva: da cosa dipende?
Disturbo d'ansia: perché può interferire con la contraccezione?
Intolleranze alimentari – Parte 7: qual è il contraccettivo più gradito dalle donne?
Intolleranze alimentari – Parte 6: qual è il contraccettivo più sicuro?
Intolleranze alimentari – Parte 1: quale impatto possono avere sull'efficacia della pillola contraccettiva?

Parole chiave:
Cerotto contraccettivo


© 2012 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.