Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
26/04/2012

Disturbo d'ansia: perché può interferire con la contraccezione?


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Disturbo d'ansia: perché può interferire con la contraccezione?

Sintesi del video e punti chiave

Le persone ansiose sono spesso distratte, e dimenticano di fare cose anche importanti. Questo è un problema serio ogni volta che si tratti di assumere dei farmaci con assoluta regolarità: e la pillola contraccettiva rientra a pieno titolo in questa fattispecie, perché “saltare” anche solo un giorno può comprometterne l’efficacia anticoncezionale.
Quali sono dunque le soluzioni contraccettive migliori per le ansiose e le “smemorate”?
In questo video la professoressa Graziottin illustra:
- con quale frequenza le donne ansiose dimenticano di prendere la pillola rispetto a quelle non ansiose;
- come in questi casi la risposta ideale sia costituita dal cerotto transdermico;
- perché l’anello intravaginale non è, per queste donne, altrettanto raccomandabile.

top


Audio e video stream correlati:
Ansia e scelta del contraccettivo: indicazioni per lei e per lui
Ansia e desiderio sessuale: c'è qualche relazione?
Disturbi d'ansia: sono più vulnerabili gli uomini o le donne?
Cerotto contraccettivo, quando è la scelta migliore

Parole chiave:
Ansia - Contraccezione ormonale


© 2012 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.