Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
20/01/2011

Intolleranze alimentari – Parte 1: quale impatto possono avere sull'efficacia della pillola contraccettiva?


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Intolleranze alimentari – Parte 1: quale impatto possono avere sull'efficacia della pillola contraccettiva?

Sintesi del video e punti chiave

In caso di celiachia o di intolleranza al lattosio, esistono metodi anticoncezionali più affidabili di altri? Sì, perché il primo requisito di efficacia di un contraccettivo ormonale è che sia ben assorbito dall’organismo. Se questo non avviene, l’azione del farmaco viene indebolita e la donne corre il rischio di una gravidanza indesiderata.
Perché la celiachia e l’intolleranza al lattosio possono ridurre l’efficacia del contraccettivo orale? In che senso l’omissione diagnostica dell’intolleranza al lattosio può essere un fattore predisponente di “drop out”, ossia di abbandono della pillola da parte della donna?
In questo primo video, la professoressa Graziottin illustra:
- che cosa sono la celiachia e l’intolleranza al lattosio, e i principali disturbi gastrointestinali ad esse associati;
- la prevalenza dell’intolleranza al lattosio nella popolazione italiana e fra le donne in età fertile (12-50 anni);
- perché la celiachia può provocare un ridotto assorbimento dei principi attivi della pillola (etinilil-estradiolo e progestinico);
- in quali fasi del processo metabolico si verifica il malassorbimento;
- come la celiachia e l’intolleranza al lattosio possano ridurre l’assorbimento degli ormoni anche attraverso un’accelerazione del transito intestinale, dovuta a sua volta alla diarrea cronica o recidivante associata all’intolleranza alimentare;
- come il lattosio utilizzato come eccipiente nella pillola possa ulteriormente aggravare i sintomi intestinali (gonfiore, meteorismo, coliche addominali, diarrea), provocando l’abbandono del metodo contraccettivo.

top


Audio e video stream correlati:
La celiachia e le patologie correlate
Efficacia contraccettiva: da cosa dipende?
Celiachia: che cos'è, come si cura
Cerotto contraccettivo, quando è la scelta migliore
Ragazze, occhio ai farmaci: possono ridurre l'efficacia della pillola
Intolleranze alimentari – Parte 7: qual è il contraccettivo più gradito dalle donne?
Intolleranze alimentari – Parte 6: qual è il contraccettivo più sicuro?
Intolleranze alimentari – Parte 5: che cosa bisogna fare quando si eliminano i latticini dalla dieta
Intolleranze alimentari – Parte 4: celiachia e rischi per la fertilità
Intolleranze alimentari – Parte 3: alcuni consigli importanti per la salute dell'osso e la gravidanza
Intolleranze alimentari – Parte 2: che cosa dovrebbe sapere la donna

Parole chiave:
Allergie e intolleranze - Celiachia - Pillola contraccettiva


© 2011 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.