Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
25/11/2007

Alcol, illusione d'amore


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Angela Pederiva
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Alcol, illusione d'amore

Scarica l'intervista:
Alcol, illusione d'amore
(2.362 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

“Quando ho bisogno di lasciarmi andare, bevo un paio di bicchieri e tutto diventa più facile”. E’ l’amara testimonianza di un numero crescente di donne che usano l’alcol come ansiolitico, per sentirsi più disinibite. Salvo scoprire che, per mantenere l’effetto, occorrono poi dosi sempre più elevate. Il problema coinvolge anche le giovani e le giovanissime, pur se con motivazioni più articolate, come dimostra l’allarmante tendenza delle adolescenti a ubriacarsi nei fine settimana. Quale effetto produce l’alcol sul cervello? Perché ci “sblocca” dal punto di vista sessuale? Perché ne occorrono quantità crescenti? Quali sono i suoi effetti a lungo termine sulla sessualità?
In questa intervista illustriamo:
- l’effetto inibitore che l’alcol esercita sul lobo frontale, la parte del cervello che controlla e tiene a bada i nostri istinti e i nostri impulsi. In condizioni normali, il lobo frontale opera come un “censore” attento ed esigente dei nostri comportamenti, valutandone l’adeguatezza rispetto al contesto e alle norme ricevute attraverso l’educazione. Sotto l’effetto dell’alcol, invece, esso viene come narcotizzato: questo comporta, a piccole dosi, un pizzico di allegria in più e una maggior verve in compagnia; ad alte dosi, invece, la perdita del controllo di sé e il crollo delle difese sul fronte sessuale;
- il meccanismo biologico (legato al funzionamento degli enzimi che nel fegato catabolizzano – ossia distruggono – l’alcol) in base al quale occorrono dosi sempre più elevate per ottenere lo stesso effetto ansiolitico: una progressione che alla lunga crea dipendenza fisica, oltre che psichica, e spesso rende alcolisti;
- i danni a lungo termine sulla sessualità: disturbi dell’eccitazione (l’alcool agisce come disinibitore mentale, ma tende ad attenuare la risposta fisica genitale); disturbi dell’orgasmo (l’abuso può associarsi ad alimentazione inadeguata, stati di ansia e depressione mascherati, bassi livelli di testosterone); danni all’ovaio;
- i gravi rischi specifici cui l’alcol espone le giovani e le adolescenti, soprattutto in contesti di abuso generalizzato come le “feste” del sabato sera: rapporti sessuali non consenzienti (è in triste aumento il numero di “prime volte” in cui lei è alterata o francamente ubriaca); contrazione di malattie sessualmente trasmesse (anche la donna che normalmente “impone” l’uso del profilattico è meno prudente quando è sotto l’effetto dell’alcol); concepimenti non desiderati; aggressioni e abusi sessuali; progressiva perdita di autostima e di fiducia in sé, che concorre ulteriormente alle frequentazioni a rischio e a scelte di partner negative.

top


Audio e video stream correlati:
Insonnia, fumo e alcol: i tre nemici della funzione sessuale (di lui e di lei)
Alcol, nemico numero uno dell'amore
Malattie sessualmente trasmesse - Parte 4: l'importanza dell'autoprotezione
Alcol, nemico della sessualità e dell'incolumità
Alcol, droga, narcisismo: la triade infernale di molti giovani d'oggi
Giovani e sesso: i cinque nemici dell'intimità
La prima volta

Parole chiave:
Adolescenti e giovani - Alcol - Sessualità femminile


© 2007 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.