Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
21/10/2010

Sport e voglia di vincere - Parte 2: Il ruolo della predisposizione genetica


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Sport e voglia di vincere - Parte 2: Il ruolo della predisposizione genetica

Sintesi del video e punti chiave

Prosegue la video testimonianza della professoressa Graziottin sulle relazioni fra attività sportiva, contraccezione e salute. In questa puntata apriamo un’interessante parentesi: è vero che il gusto di vincere può dipendere anche da una predisposizione genetica? Che cosa ci dicono gli studi più recenti a questo proposito?
La professoressa illustra:
- come alcune ricerche preliminari indichino che l’atteggiamento vincente nello sport sembra dipendere anche da un gruppo ben definito di geni;
- quali doti agonistiche conferisce questa predisposizione, sul piano fisico e soprattutto emotivo;
- come la stabilità emotiva consenta, in particolare, di gestire alcune situazioni critiche di gara, e di esercitare una solida leadership verso se stessi e verso il gruppo.

Per gentile concessione di Intermedia News TV

top


Audio e video stream correlati:
Movimento fisico: un alleato globale della nostra salute
Sport e movimento fisico: tutti i vantaggi per la salute delle adolescenti
Sport e giovanissime: una priorità medica ed educativa - Parte 1
Donna è sport - Pillola e controllo delle mestruazioni
Donna è sport – Pillola e scelta di maternità
Lo sport, un amico prezioso della sessualità
Sport e voglia di vincere - Parte 4: La pillola, una grande amica delle sportive
Sport e voglia di vincere - Parte 3: Campionesse anche nella contraccezione
Sport e voglia di vincere - Parte 1: Donne vincenti in gara e nella vita

Parole chiave:
Adolescenti e giovani - Sport e movimento fisico


© 2010 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.