Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
02/08/2012

Donna è sport – Pillola e scelta di maternità


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Andrea Zorzi
Donna è sport – Pillola e scelta di maternità

Sintesi del video e punti chiave

La pillola contraccettiva è una formidabile alleata della donna capace di realizzarsi in ogni ambito della vita: consente infatti di evitare le gravidanze indesiderate, proteggere la fertilità, gioire di una vita intima appagante e scegliere con piena consapevolezza il momento in cui diventare madre.
Che cosa ci insegna, da questo punto di vista, l’esperienza umana e sportiva di una grande campionessa come Valentina Vezzali? Quali vantaggi offre una contraccezione iniziata sin da ragazza?
In questo video la professoressa Graziottin illustra:
- come Valentina Vezzali abbia saputo conciliare una vita personale felice e una carriera sportiva eccezionale;
- perché la sua scelta contraccettiva l’ha aiutata a essere vincente sin da ragazza;
- a che età conviene iniziare a prendere la pillola, se si vuole anche proteggere la fertilità;
- che cosa significa dire che Valentina è una donna non solo capace di vincere, ma anche di essere sempre “nel tempo giusto”, come atleta, come madre e come partner.

Con la partecipazione di Valentina Vezzali
Per gentile concessione di Intermedia e After

top


Audio e video stream correlati:
Sport e giovanissime: una priorità medica ed educativa - Parte 1
Donna è sport - Pillola e controllo delle mestruazioni
Sport e voglia di vincere - Parte 4: La pillola, una grande amica delle sportive
Sport e voglia di vincere - Parte 3: Campionesse anche nella contraccezione
Sport e voglia di vincere - Parte 2: Il ruolo della predisposizione genetica
Sport e voglia di vincere - Parte 1: Donne vincenti in gara e nella vita

Parole chiave:
Pillola contraccettiva - Sport e movimento fisico


© 2012 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.