Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
segnala
17/05/2009

Movimento fisico: un alleato globale della nostra salute


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Roberta Lupi e Valeria Colangelo (Radio Radio)
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Movimento fisico: un alleato globale della nostra salute

Scarica l'intervista:
Movimento fisico: un alleato globale della nostra salute
(2.393 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Con il sopraggiungere dell’estate, molte donne – giovani e meno giovani – tornano in palestra per smaltire i chili di troppo accumulati durante i mesi più freddi, e recuperare il peso forma. In realtà, un po’ di movimento fisico moderato andrebbe fatto con regolarità, tutti i giorni dell’anno e per tutta la vita. E questo per una ragione che gli studi medici più recenti evidenziano con grande chiarezza: lo sport fa bene non solo alla linea, e quindi alla bellezza e all’immagine corporea, ma anche al cervello, al tono dell’umore e al sistema cardiovascolare, riducendo inoltre il rischio di diabete. Oltre che dalla costanza, frutto certamente della passione e del senso di disciplina individuale, questi straordinari effetti dipendono dall’integrazione di due differenti tipi di movimento: quello aerobico e quello anaerobico.
Che cosa succede nel cervello di chi ogni giorno dedica un po’ di tempo alla propria forma fisica? Quali sono i vantaggi dello sport dal punto di vista cardiovascolare? Che differenza c’è fra movimento aerobico e movimento anaerobico? E perché per ottenere i risultati migliori bisogna praticarli entrambi?
In questa intervista illustriamo:
- come i gangli basali del cervello, che coordinano il sistema motorio, ospitino anche i centri della motivazione, dell’abitudine e del sistema di ricompensa, che ci portano a ripetere i comportamenti per noi più gratificanti;
- come, di conseguenza, il movimento non sia un aspetto secondario rispetto all’intelligenza e alle emozioni, ma il fattore biologico capace più di ogni altro di integrarle, esprimerle e potenziarle;
- gli effetti del movimento fisico regolare a livello cognitivo e affettivo, con particolare attenzione al miglioramento della memoria e dell’umore, alla riduzione dell’ansia e al potenziamento dell’azione degli antidepressivi;
- gli ulteriori stimoli, derivanti dagli sport di squadra, per la capacità di sviluppare relazioni interpersonali positive ed elaborare strategie di comportamento complesse in vista di un obiettivo;
- i vantaggi per la salute cardiovascolare: minore incidenza dell’aterosclerosi e dei correlati danni cerebrali, da cui dipendono praticamente tutte le demenze non riconducibili alla sindrome di Alzheimer (ben il 50% del totale);
- come il movimento aerobico (jogging, bicicletta, nuoto di durata, sci di fondo) migliori la capillarizzazione periferica e aumenti il metabolismo basale durante l’attività stessa, mentre il movimento anaerobico (pesi, attrezzi, sport di velocità) potenzia la massa e il tono muscolare, e accelera il metabolismo basale nelle 24 ore;
- la tendenza del metabolismo a rallentare dopo i 40-50 anni, e la conseguente necessità di alternare entrambi i tipi di movimento per contrastare in modo ottimale l’aumento di peso.

top


Audio e video stream correlati:
Movimento fisico: tutti i benefici – Parte 1
Sport e giovanissime: una priorità medica ed educativa - Parte 1
Menopausa e metabolismo basale: come restare in salute e mantenere il peso forma
Il ballo, formidabile fattore anti-età
Sport e movimento fisico: tutti i vantaggi per la salute delle adolescenti
Obesità: tutti i rischi per la salute
Lo sport, un amico prezioso della sessualità
Sport e voglia di vincere - Parte 2: Il ruolo della predisposizione genetica
Sport e voglia di vincere - Parte 1: Donne vincenti in gara e nella vita
Restare in forma dopo i quarant'anni

Parole chiave:
Cervello / Sistema nervoso centrale - Salute femminile - Sport e movimento fisico

segnala

© 2009 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.