Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
04/03/2007

Restare in forma dopo i quarant'anni


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Angela Pederiva
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Restare in forma dopo i quarant'anni

Scarica l'intervista:
Restare in forma dopo i quarant'anni
(2.421 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

L’aumento di peso è uno spiacevole effetto dell’età per molte donne a partire dai 38-40 anni. Esso è legato a una riduzione progressiva del metabolismo basale. Ai chili in più si accompagna spesso un visibile cambiamento della forma del corpo, provocato dalla crescita del grasso addominale e dalla concomitante riduzione della massa muscolare, che costituisce la parte “magra” del nostro organismo. In questa intervista analizziamo:
- le cause e l’andamento nel tempo di questo fenomeno: la massa muscolare tende a ridursi complessivamente del 10 per cento dai 20 ai 50 anni; dopo decresce invece dell’1 per cento l’anno. Anche se il peso non aumenta, il muscolo perso viene sostituito da fastidiosissimo grasso;
- la relazione fra aumento del grasso addominale e rischio di diabete, malattie cardiovascolari e tumori ormonodipendenti (della mammella, del colon e dell’utero);
- l’importanza del movimento fisico nel contrastare la tendenza all’adiposità: con attività aerobiche, come la corsa, il nuoto, lo sci, che aumentano il consumo calorico durante lo sforzo fisico; con esercizi di potenziamento della massa muscolare, che aumentano il metabolismo basale nell’arco delle 24 ore; con pratiche come lo stretching o lo yoga, che mantengono elastici i muscoli e le articolazioni;
- il contributo di uno stile di vita sano fin dall’infanzia;
- la diversa incidenza che la perdita di massa muscolare ha sull’uomo, in cui il declino del testosterone è meno brusco che nella donna e compensa quindi per un tempo più lungo gli effetti dell’età;
- il ruolo delle terapie ormonali sostitutive che, lungi dal provocare un aumento di peso, come spesso si crede, ne favoriscono invece il controllo perché ottimizzano il consumo periferico di insulina.

top


Audio e video stream correlati:
Movimento fisico: tutti i benefici – Parte 1
Movimento fisico: un alleato globale della nostra salute
Menopausa e metabolismo basale: come restare in salute e mantenere il peso forma
Risposta sessuale femminile: l'importanza della salute cardiovascolare

Parole chiave:
Invecchiamento - Peso corporeo - Sport e movimento fisico - Stili di vita


© 2007 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.