Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
01/02/2009

Il ballo, formidabile fattore anti-età


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Roberta Lupi e Valeria Colangelo (Radio Radio)
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Il ballo, formidabile fattore anti-età

Scarica l'intervista:
Il ballo, formidabile fattore anti-età
(2.974 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Il ballo è un fondamentale alleato della salute femminile a tutte le età, perché non solo è appassionante e divertente, ma ha anche una straordinaria capacità anti-invecchiamento sul piano fisico, emotivo e mentale. Al punto che negli Stati Uniti è oggi utilizzato come complemento della riabilitazione persino in patologie severe e invalidanti come il morbo di Parkinson. Se infatti il leggere è l’attività più efficace a livello puramente mentale, il ballo – potente fattore di coesione e identità anche a livello etnico e religioso – è l’attività fisica più completa per contrastare il decadimento legato al passare del tempo: perché mantiene attivo e pronto il cervello, ci inonda di endorfine (le molecole della gioia), protegge cuore e arterie, migliora il tono muscolare, conferisce eleganza e agilità a ogni nostro movimento.
Che cosa succede nel nostro cervello quando balliamo? Quali sono i maggiori benefici per la salute? E’ vero che il ballo migliora anche la nostra capacità di autodisciplina? E perché è preferibile alla palestra?
In questa intervista illustriamo:
- le aree cerebrali attivate dalla danza: i centri della coordinazione motoria, il lobo temporale (cui afferiscono gli stimoli musicali), tutte le aree sensoriali, il lobo limbico – che presiede alle emozioni – e i centri della memoria;
- come una musica associata a un momento felice riaccenda in noi non solo quel ricordo, ma anche le emozioni positive che lo accompagnano, con liberazione massiva di endorfine e un potente effetto antidepressivo ed euforizzante;
- la capacità del ballo di regalarci un sorriso e rimotivarci a vivere, migliorando la nostra potenza ed eleganza, e richiedendo al tempo stesso disciplina, applicazione, tenacia, rispetto delle regole e del tempo;
- i benefici della danza sulla salute: allena con dolcezza il cuore e il sistema cardiovascolare; abbassa la pressione arteriosa, se è elevata per lo stress; mantiene l’agilità articolare e muscolare; contribuisce al mantenimento della densità ossea, contrastando l’osteoporosi; allena la prontezza di riflessi; favorisce la produzione “incrociata” di sostanze trofiche per i muscoli e i nervi;
- i vantaggi emotivi, cognitivi e relazionali del ballo rispetto all’attività di palestra, più ripetitiva e molto meno emozionante;
- come il ballo di coppia faccia rivivere la liturgia del corteggiamento romantico o giocoso, riproponendo due archetipi del maschile e del femminile – lui che guida e lei che segue, recettiva ma non passiva – oggi repressi dal codice sociale del mondo occidentale;
- l’opportunità, se lo si desidera, di regalarsi un corso di ballo anche in tarda età, per ritrovare salute e allegria, e per riaprire il cassetto dei sogni prima che diventino rimpianti.

top


Audio e video stream correlati:
Movimento fisico: un alleato globale della nostra salute
Quando balliamo, il cervello è felice

Parole chiave:
Ballo, musica e canto - Cervello / Sistema nervoso centrale - Salute femminile


© 2009 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.