Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
17/02/2011

Intolleranze alimentari – Parte 5: che cosa bisogna fare quando si eliminano i latticini dalla dieta


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Intolleranze alimentari – Parte 5: che cosa bisogna fare quando si eliminano i latticini dalla dieta

Sintesi del video e punti chiave

L’intolleranza al lattosio si combatte riducendo l’assunzione di alimenti contenenti lattosio: un’affermazione quasi ovvia e certamente corretta, ma rispetto alla quale vanno fatte alcune importanti precisazioni, riguardo ai fattori di vulnerabilità a questa forma di intolleranza e alle precauzioni da prendere affinché una dieta troppo povera di latticini non abbia ripercussioni indesiderate sulla salute della donna.
Da che cosa dipendono la difficoltà di digerire il lattosio, e i sintomi che ne derivano? Che cosa si deve fare quando, su consiglio del medico, si riduce drasticamente l’introduzione giornaliera di latte, yogurt e formaggi?
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- come cambia, dal punto di vista quantitativo, la produzione dell’enzima lattasi nel corso della vita;
- come i sintomi dell’intolleranza si possano manifestare non solo per una specifica predisposizione genetica, ma anche dopo una lunga astinenza dai latticini;
- l’assoluta necessità, in caso di dieta povera di latte e formaggi, di integrare il calcio necessario alla salute delle ossa;
- la quantità giornaliera di calcio necessaria alla donna adulta e all’adolescente;
- perché le adolescenti hanno bisogno di una quantità maggiore, e quali rischi corrono se non la assumono con regolarità;
- quali altri fattori, oltre agli insufficienti livelli di calcio, possono in gioventù esporre a gravi rischi la salute dell’osso;
- come l’apparato scheletrico sia un tessuto estremamente dinamico;
- che cosa sono gli osteoblasti e gli osteoclasti, che ruolo svolgono e perché è importante che la loro azione sia sempre reciprocamente equilibrata;
- come la diagnosi precoce di intolleranza al lattosio, e una corretta supplementazione di calcio, siano indispensabili per la salute dell’osso e la qualità della vita della donna, anche nel medio e lungo termine.

top


Audio e video stream correlati:
Intolleranze alimentari – Parte 7: qual è il contraccettivo più gradito dalle donne?
Intolleranze alimentari – Parte 6: qual è il contraccettivo più sicuro?
Intolleranze alimentari – Parte 4: celiachia e rischi per la fertilità
Intolleranze alimentari – Parte 3: alcuni consigli importanti per la salute dell'osso e la gravidanza
Intolleranze alimentari – Parte 2: che cosa dovrebbe sapere la donna
Intolleranze alimentari – Parte 1: quale impatto possono avere sull'efficacia della pillola contraccettiva?

Parole chiave:
Allergie e intolleranze - Calcio - Osteoporosi e osteopenia


© 2011 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.