EN

Terapia ormonale sostitutiva: le variabili in gioco nella scelta del progestinico

Terapia ormonale sostitutiva: le variabili in gioco nella scelta del progestinico

27/01/2022

Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Sintesi del video e punti chiave

La terapia ormonale sostitutiva per la menopausa è come un vestito su misura, e va confezionata da un ginecologo attento ed esperto. La donna, però, non può demandare il proprio benessere esclusivamente ai farmaci: deve anche adottare stili di vita sani. Solo così può nascere, dalla collaborazione fra medico e paziente, un vero progetto di longevità in salute.
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- perché la padronanza delle diverse alternative di cura richiede studio e continuo aggiornamento;
- come la terapia ormonale sostitutiva (TOS) vada prescritta solo dopo un’anamnesi e un esame obiettivo accurati, una valutazione puntuale degli esami strumentali e di laboratorio, e un’attenta valutazione dell’età e dei sintomi della paziente;
- come i progestinici svolgano diverse funzioni biologiche in base alle loro caratteristiche;
- le dimensioni che vanno prese in considerazione per scegliere il progestinico più adatto: principi attivi di derivazione (progesterone naturale, testosterone, spironolattone), recettori (estrogeni, progesterone, testosterone, glucocorticoidi, mineralcorticoidi), tipo di azione rispetto al recettore (agonista, antagonista), tipo di interazione con la sexual hormone binding globulin (SHBG), tipo di interazione con l’enzima 5-alfa-reduttasi;
- gli stili di vita amici della TOS: alimentazione sana, poco alcol, zero fumo e droghe, movimento fisico quotidiano, peso nella norma, sonno regolare.

Realizzazione tecnica di Monica Sansone

Parole chiave:
Menopausa e perimenopausa Progesterone / Progestinici Stili di vita Terapia ormonale sostitutiva

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato su questo e altri temi di salute e benessere con la nostra newsletter quindicinale

Iscriviti alla newsletter