Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
segnala
04/11/2007

Risposta sessuale femminile: l'importanza della salute cardiovascolare


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Angela Pederiva
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Risposta sessuale femminile: l'importanza della salute cardiovascolare

Scarica l'intervista:
Risposta sessuale femminile: l'importanza della salute cardiovascolare
(3.058 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Gli studi clinici non lasciano dubbi: il fumo, il colesterolo alto, il diabete, l’ipertensione e, in generale, le malattie cardiovascolari sono nemici giurati non solo della sessualità maschile, ma anche di quella femminile. E la funzione più colpita è per entrambi l’eccitazione genitale, al punto che la secchezza vaginale durante un rapporto è, dal punto di vista fisiopatologico, del tutto equivalente al deficit erettivo. Questo accade perché, nella donna, la risposta fisica agli stimoli nervosi che veicolano il desiderio e l’eccitazione mentale è caratterizzata da un aumento di flusso sanguigno in due grandi distretti: nei vasi che circondano la vagina e l’uretra, con trasudazione di liquido all’interno della vagina e conseguente lubrificazione; nei corpi cavernosi che, riempiendosi di sangue, danno luogo alla congestione della clitoride e della vulva. Ma perché l’eccitazione sia veloce e intensa, occorre che le arterie si dilatino rapidamente e che il sistema circolatorio sia nel suo complesso in ottime condizioni.
Quali sono i fattori che determinano la risposta genitale femminile? In che modo i nemici della salute cardiovascolare possono colpire la sessualità? Che cosa si può fare per prevenirli?
In questa intervista illustriamo:
- le condizioni che facilitano l’eccitazione genitale nella donna: il livello di desiderio fisico ed emotivo; lo qualità dello stimolo nervoso di eccitazione; arterie sane e corpi cavernosi integri; ormoni adeguati (estrogeni e androgeni); muscoli pelvici sani e non eccessivamente rilassati (come può accadere, per esempio, dopo il parto); una buona intesa con il partner;
- il ruolo del sistema nervoso “parasimpatico”, e del nervo vago in particolare, nel governare le situazioni di piacere e di benessere, con conseguente miglioramento della risposta sessuale;
- i principali nemici della sessualità femminile: fumo; colesterolo elevato; ipertensione; diabete; adrenalina; carenza di ormoni sessuali; fattori di coppia e ambientali negativi;
- le strategie più efficaci per mantenere sani i vasi sanguigni e la risposta genitale: stili di vita (eliminazione del fumo, molto diffuso oggi proprio fra le donne, alimentazione equilibrata, peso nella norma, movimento fisico regolare, sonno adeguato); terapie mediche (cura dell’ipertensione, controllo periodico della glicemia in caso di diabete, terapia ormonale sostitutiva, anche locale, soprattutto nei casi di blocco mestruale in giovane età, allattamento, e dopo la menopausa); miglioramento della qualità della relazione di coppia.

top


Audio e video stream correlati:
Donne e fumo: un'alleanza pericolosa - Prima parte
Donne e fumo: un'alleanza pericolosa - Seconda parte
Come combattere la secchezza genitale
Diabete, una malattia insidiosa
Diabete in gravidanza: implicazioni e prevenzione
Restare in forma dopo i quarant'anni

Parole chiave:
Sessualità femminile - Stili di vita

segnala

© 2007 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.