Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
31/03/2011

Pap-test, un grande amico della salute femminile


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Pap-test, un grande amico della salute femminile

Sintesi del video e punti chiave

Si chiama pap-test, è stato messo a punto 50 anni fa ed è un esame fondamentale che ogni ragazza dovrebbe fare con regolarità da quando inizia ad avere rapporti sessuali. Esso consente infatti di verificare alcuni aspetti cruciali della salute ginecologica e generale della donna.
A che cosa serve il pap-test? Come si svolge?
In questa decima “Love FAQ” in collaborazione con Deejay TV, la professoressa Graziottin illustra:
- i tre obiettivi clinici del pap-test: diagnosi di malattie sessualmente trasmesse; accertamento di infezioni in corso; valutazione dello stato ormonale della ragazza;
- come il pap-test consenta in particolare di individuare le lesioni provocate dal Papillomavirus al collo dell’utero;
- le fasi del test: inserimento dello speculum, prelievo dei campioni, esame al microscopio;
- come l’esame sia assolutamente indolore;
- perché ogni buon ginecologo dovrebbe proporre il pap-test a tutte le pazienti sessualmente attive.


Per gentile concessione di Deejay TV

top


Audio e video stream correlati:
Papillomavirus: che cos'è, come evitarlo
Papillomavirus, un nemico che si può sconfiggere
Malattie sessualmente trasmesse - Parte 9: come affrontare il Papillomavirus
Vaccino anti HPV: si allarga il campo d'azione
Papillomavirus: dalla diagnosi alla vaccinazione
Condilomatosi genitale: cause e terapie
La visita ginecologica - Prima parte: come affrontarla
La visita ginecologica - Seconda parte: come si svolge
Adolescenti e malattie sessualmente trasmesse: quali esami fare per una prevenzione ottimale?

Parole chiave:
Adolescenti e giovani - Pap-test - Visita ginecologica


© 2011 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.