Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
23/06/2016

Microbiota vaginale: che cos'è, come cambia nel tempo


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano
Microbiota vaginale: che cos'è, come cambia nel tempo

Sintesi del video e punti chiave

Il nostro corpo – organi, pelle, mucose – è abitato da miliardi di microrganismi essenziali per la salute: il loro insieme viene definito “ecosistema” o “microbiota”. Questi germi hanno una funzione di alleanza e protezione, ma se il loro equilibrio quantitativo si altera possono emergere disturbi a carico del distretto interessato. Per le donne, in particolare, è importante avere un microbiota vaginale in perfette condizioni.
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- come quello vaginale sia un ecosistema estremamente dinamico nel corso della vita;
- da che cosa è caratterizzato il microbiota vaginale nell’infanzia;
- i complessi fenomeni che si verificano con la pubertà e che conducono alla comparsa dei lattobacilli e all’abbassamento dell’acidità vaginale;
- il valore ideale del pH durante la vita fertile;
- che cosa accade se il pH aumenta;
- come i lattobacilli si riducano durante il puerperio, per effetto dell’allattamento;
- in che modo si evolve il quadro dopo la menopausa.

Realizzazione tecnica di Clorofilla Web

top


Audio e video stream correlati:
Antibiotici: quando e in che modo assumerli
Vaginite: che cos'è e da quali fattori può essere provocata
Microbiota vaginale: come si fa a sapere se il pH è cambiato
Microbiota vaginale: quali fattori lo possono alterare
Il ph vaginale: ruolo, alterazioni, strategie di cura

Parole chiave:
Ecosistema vaginale / Microbiota vaginale - Lattobacilli - Menopausa / Sintomi menopausali - pH vaginale - Pubertà e pubertà precoce - Puerperio


© 2016 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.