Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
30/06/2016

Microbiota vaginale: quali fattori lo possono alterare


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano
Microbiota vaginale: quali fattori lo possono alterare

Sintesi del video e punti chiave

La scorsa settimana abbiamo visto che cos’è il microbiota vaginale e in che modo si modifica nel corso della vita. Oggi analizziamo le condizioni che possono alterarne l’equilibrio, con conseguenze più o meno gravi per il comparto urogenitale.
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- i cinque principali fattori che possono modificare il microbiota vaginale: il livello di ormoni sessuali circolanti, il sangue mestruale, l’eiaculato maschile, le infiammazioni intestinali e gli antibiotici;.
- come tutte queste variabili possano alterare il pH del microbiota e quindi l’equilibrio delle diverse famiglie di germi che lo compongono, ponendo le basi di sintomi anche importanti;
- perché, in particolare, il sangue mestruale e lo sperma possono alzare il livello del pH, e qual è il tipico segno della loro azione;
- in che modo la stipsi e la sindrome dell’intestino irritabile possono destabilizzare l’ecosistema vaginale;
- come gli antibiotici siano una vera e propria “bomba atomica” capace di danneggiare non solo l’intestino, ma anche la vagina.

Realizzazione tecnica di Clorofilla Web

top


Audio e video stream correlati:
Antibiotici: quando e in che modo assumerli
Vaginite: che cos'è e da quali fattori può essere provocata
Microbiota vaginale: come si fa a sapere se il pH è cambiato
Microbiota vaginale: che cos'è, come cambia nel tempo
Il ph vaginale: ruolo, alterazioni, strategie di cura

Parole chiave:
Ecosistema vaginale / Microbiota vaginale - Mestruazioni / Disturbi mestruali - pH vaginale - Sindrome del colon/intestino irritabile - Stipsi


© 2016 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.