Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
26/05/2011

Disturbi premestruali: terapia contraccettiva e rimedi naturali


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Disturbi premestruali: terapia contraccettiva e rimedi naturali

Sintesi del video e punti chiave

Cattivo umore, aggressività, irritabilità. E poi un sonno non riposante e un insolito, forte appetito per i cibi dolci o salati. Sono alcuni dei disturbi che possono colpire anche le giovanissime nei giorni immediatamente precedenti le mestruazioni. Contro di essi si può fare moltissimo: con rimedi naturali, nelle forme più leggere; o con la pillola contraccettiva al drospirenone, nei casi più impegnativi.
Che cos’è il drospirenone, e perché lenisce questo tipo di sintomi? Quali sono le sostanze naturali più efficaci?
In questa “Love FAQ” in collaborazione con Deejay TV, la professoressa Graziottin illustra:
- tutti i sintomi che contraddistinguono la sindrome premestruale;
- in che modo agisce il drospirenone;
- come negli Stati Uniti la pillola al drospirenone sia il farmaco di prima scelta per i disturbi che precedono il ciclo;
- i due rimedi naturali più utilizzati: magnesio e agnocasto;
- l’importanza di adottare anche stili di vita sani e regolari.

Per gentile concessione di Deejay TV

top


Audio e video stream correlati:
Terapia contraccettiva e stili di vita: ecco le armi contro la sindrome premestruale
Il magnesio, un prezioso alleato della nostra salute
Sindrome premestruale: sintomi, cause e rimedi
Pillola al drospirenone: l'arma giusta contro la sindrome premestruale
Pillola al drospirenone: la più amata dalle giovani
Sport e voglia di vincere - Parte 4: La pillola, una grande amica delle sportive

Parole chiave:
Adolescenti e giovani - Sindrome premestruale


© 2011 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.