Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
07/09/2008

Sindrome premestruale: sintomi, cause e rimedi


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano

A cura di: Roberta Lupi (Radio Radio)
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Sindrome premestruale: sintomi, cause e rimedi

Scarica l'intervista:
Sindrome premestruale: sintomi, cause e rimedi
(2.857 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Si chiama sindrome premestruale, ed è l’insieme di sintomi somatici e comportamentali che colpiscono la donna immediatamente prima della mestruazione. La sua intensità è molto variabile: nelle forme più lievi, la paziente può accusare una modesta ritenzione idrica, una moderata propensione all’irritabilità, un maggior bisogno di cibi dolci o salati, gonfiore addominale e un aumento di peso anche consistente; nelle forme medie, si inizia già ad avvertire una notevole “fatica di vivere”; nella forma più severa, nota come “sindrome disforica della fase luteale tardiva” (presente nel 4-7% delle donne), i sintomi psichici sono tali da interferire pesantemente nella vita di relazione, con livelli anche molto gravi di depressione e aggressività. Quali sono le cause del disturbo? E’ vero che la carenza di sonno può peggiorare il quadro sintomatologico? Che cosa si può fare sul piano della terapia e della prevenzione?
In questa intervista illustriamo:
- le caratteristiche e l’incidenza dei sintomi nelle forme lievi, medie e gravi;
- la causa primaria del disturbo: la fluttuazione dei livelli di estrogeni e progesterone, determinata dalla mestruazione, innesca a sua volta un variabile squilibrio dei livelli di serotonina, il neurotrasmettitore che regola il tono dell’umore;
- perché l’alterazione della serotonina determina anche disturbi somatici, come il gonfiore addominale;
- come la carenza di sonno possa non solo aggravare i sintomi della sindrome premestruale, ma – a lungo andare – determinare anche disturbi cognitivi (difficoltà di concentrazione, apprendimento e memorizzazione) e sessuali (scarso desiderio);
- cinque consigli pratici per prevenire la sindrome: dormire almeno sette ore per notte (meglio se otto); fare movimento fisico quotidiano; ridurre lo stress indotto dalla vita attiva, riservandosi ogni sera un piccolo momento di relax e di benessere prima di andare a dormire; evitare i cibi in scatola, o con conservanti aggiunti; respirare lentamente e profondamente quando si sente salire la tensione;
- come i conservanti alimentari possano spiegare anche l’iperattività dei bambini, e vadano quindi evitati il più possibile;
- il positivo contributo di due elementi naturali: il magnesio e soprattutto l’agnocasto, un fitoterapico noto sin dal Medioevo e la cui efficacia è stata testata e ribadita da recenti studi scientifici;
- la possibilità, nei casi più gravi, di ricorrere ai “regolatori della ricaptazione della serotonina” (SSRI), antidepressivi di ultima generazione, efficacissimi nel riequilibrare l’umore anche a dosi molto basse.

top


Audio e video stream correlati:
Terapia contraccettiva e stili di vita: ecco le armi contro la sindrome premestruale
Il magnesio, un prezioso alleato della nostra salute
Sport e movimento fisico: tutti i vantaggi per la salute delle adolescenti
Pillola al drospirenone: l'arma giusta contro la sindrome premestruale
Disturbi premestruali: terapia contraccettiva e rimedi naturali

Parole chiave:
Sindrome premestruale - Stili di vita


© 2008 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.