Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
16/01/2014

Eiaculazione precoce: ecco come influenza la sessualità di lei


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Eiaculazione precoce: ecco come influenza la sessualità di lei

Sintesi del video e punti chiave

L’eiaculazione precoce non è un problema solo maschile: produce un impatto significativo anche sulla sessualità della donna, con potenziali gravi conseguenze per l’armonia della coppia. Il solo modo per uscirne è affrontare il disturbo a livello medico e di stili di vita: se lui invece si disinteressa della questione, lei accumula una frustrazione crescente che può sfociare nella rottura del rapporto.
In che modo la precocità influenza la funzione sessuale femminile? Quali sono le conseguenze sul benessere di lei?
In questo video della serie “Love Weather”, curata da Class TV, la professoressa Graziottin illustra:
- il tipo e la prevalenza dei disturbi sessuali femminili secondari alla precocità;
- che cosa accade a livello biochimico nella donna che non riesce ad avere l’orgasmo;
- il giusto atteggiamento che lui deve avere verso il problema;
- che cosa fare prima che l’eiaculazione precoce diventi dirompente per l’intesa di coppia.

Per gentile concessione di Love Weather – Class TV (canale 27)

top


Audio e video stream correlati:
Eiaculazione precoce: impatto sulla sessualità di lei, benefici della dapoxetina
Sessualità e vescica, i problemi dell'uomo maturo
Eiaculazione precoce: da cosa è provocata, come combatterla
Eiaculazione precoce: impatto sulla sessualità femminile

Parole chiave:
Disturbi del desiderio - Disturbi dell'eccitazione - Disturbi dell'orgasmo / Anorgasmia - Eiaculazione precoce - Rapporto di coppia - Secchezza vaginale - Sessualità femminile


© 2014 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.