Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
10/05/2012

Ansia e desiderio sessuale: c'è qualche relazione?


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Ansia e desiderio sessuale: c'è qualche relazione?

Sintesi del video e punti chiave

Fra ansia e sessualità esiste un legame molto articolato. Tutti sappiamo, per esperienza diretta, che quando ci si innamora si sta sempre un po’ in allerta. Ma è questione di livelli: un pizzico di ansia ci fa sentire vivi e motivati, e contribuisce a rendere indimenticabili i nostri incontri d’amore. Ma quando l’apprensione rompe gli argini, e diviene “ansia da prestazione”, i suoi effetti sono negativi su tutte le dimensioni della funzione sessuale.
Perché un nuovo amore rende sempre un poco apprensivi? Qual è l’impatto sessuale dell’ansia da prestazione?
In questo video la professoressa Graziottin illustra:
- i tanti motivi per cui l’innamoramento può rendere inquieti e insicuri;
- l’incidenza dell’ansia da prestazione fra gli uomini e le donne;
- perché questo tipo di emozione si riverbera negativamente sulla sessualità;
- gli specifici effetti che l’ansia da prestazione esercita sul desiderio, sull’eccitazione e sull’orgasmo, in ambito maschile e femminile.

top


Audio e video stream correlati:
Ansia e scelta del contraccettivo: indicazioni per lei e per lui
Disturbi d'ansia: sono più vulnerabili gli uomini o le donne?
Disturbo d'ansia: perché può interferire con la contraccezione?
Ansia da prestazione: perché colpisce, come rimediare
Ansia da prestazione: cause e rimedi

Parole chiave:
Ansia da prestazione - Innamoramento


© 2012 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.