Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
22/05/2014

Sintomi mestruali, l'effetto terapeutico della contraccezione ormonale continua


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Sintomi mestruali, l'effetto terapeutico della contraccezione ormonale continua

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Per molti decenni i sintomi che la donna avverte durante le mestruazioni sono stati liquidati come “psicologici”. Oggi invece si sa che sono dovuti all’infiammazione sistemica che caratterizza questa fase del ciclo e che a sua volta è dovuta a una caduta dei livelli estrogenici. In positivo, riducendo con il giusto contraccettivo l’intervallo di giorni “hormone free”, i sintomi regrediscono in misura significativa, a tutto vantaggio della salute e del benessere.
Da quali meccanismi biochimici è governato il ciclo mestruale? Quali sono i sintomi più frequenti e invalidanti? Perché la contraccezione ormonale in continua può attenuarli?
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- i sintomi catameniali più importanti: irritabilità, nervosismo, depressione, cefalea, disturbi del sonno e dell’alimentazione, dolori articolari e muscolari, ritenzione idrica e gonfiore addominale;
- come la caduta dei livelli estrogenici determini una degranulazione diffusa dei mastociti, con rilascio massiccio di citochine infiammatorie, che determina il distacco a stampo dell’endometrio e il conseguente sanguinamento tipico della mestruazione;
- come questo picco infiammatorio, in realtà, sia sistemico e determini quindi il ventaglio di sintomi che la donna può accusare;
- da che cosa dipende la vulnerabilità di donne diverse a sintomi differenti;
- perché l’uso “storico” della pillola contraccettiva prevede un’interruzione di 7 giorni;
- i benefici che si ottengono riducendo questa interruzione a 4 giorni (pillole 24+4) o 2 giorni (pillola 26+2, all’estradiolo e dienogest);
- le indicazioni della somministrazione 26+2: sintomaticità catameniale marcata, endometriosi;
- come il dienogest, in particolare, sia l’unico progestinico indicato per la cura dell’endometriosi e possa essere assunto da solo o in combinazione con l’estrogeno naturale.

Realizzazione tecnica di MedLine.TV

top


Audio e video stream correlati:
Pillola naturale 26+2, la migliore per attenuare i disturbi mestruali
Disturbi mestruali, come combatterli con la contraccezione ormonale
Programmare il ciclo? Con la contraccezione ormonale si può

Parole chiave:
Contraccezione ormonale - Infiammazione - Mestruazioni / Disturbi mestruali - Pillola all'estradiolo e dienogest


© 2014 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.