Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
01/05/2014

Contraccezione ormonale: quando è bene associare un integratore


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Contraccezione ormonale: quando è bene associare un integratore

Sintesi del video e punti chiave

Lo affermano numerosi studi pubblicati sin dagli anni Settanta: in alcune donne la contraccezione ormonale determina un ridotto assorbimento di vitamine e oligoelementi. Questo accade soprattutto per le vitamine del gruppo B (B2, B6, B9, B12) e del gruppo C, per la vitamina E e per tre importanti oligoelementi: il magnesio, lo zinco e il selenio. In positivo, con i giusti integratori si può eliminare il problema e i sintomi ad esso correlati.
Perché si verifica questo malassorbimento? Quali donne sono più vulnerabili a questo tipo di rischio? Quali sono le conseguenze per la salute?
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- le ipotesi sinora formulate per spiegare la correlazione fra contraccezione ormonale e ridotto assorbimento di vitamine e oligoelementi;
- le principali funzioni biologiche a cui partecipano le vitamine del gruppo B: metabolismo dei globuli rossi, corretto funzionamento dei neurotrasmettitori, contenimento dei livelli di omocisteina;
- come l’omocisteina, in particolare, sia un importante marcatore di rischio cardiovascolare;
- i benefici del magnesio, dello zinco e del selenio, e i rischi connessi alla loro insufficienza;
- come per risolvere il problema sia sufficiente assumere un buon integratore per tutta la durata della contraccezione;
- come, dopo la sospensione della contraccezione, il livello delle vitamine e degli oligoelementi tenda a normalizzarsi;
- perché è opportuno che l’integratore contenga anche Centella Asiatica;
- i più importanti fattori predittivi di un insufficiente assorbimento: alimentazione inadeguata, basso livello socio-economico e culturale, peso elevato.

Realizzazione tecnica di MedLine.TV

top


Audio e video stream correlati:
Contraccezione ormonale: perché è opportuno assumere acido folico
Contraccezione ormonale: i fattori di aderenza

Parole chiave:
Centella asiatica - Contraccezione ormonale - Integratori alimentari - Ritenzione idrica - Vitamine e oligoelementi


© 2014 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.