EN

Ansia: la prima linea di difesa sono gli stili di vita

Ansia: la prima linea di difesa sono gli stili di vita

09/06/2022

Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Sintesi del video e punti chiave

L’ansia è da sempre un problema molto frequente, soprattutto nelle donne. Ma la pandemia di Covid e la guerra in Ucraina l’hanno resa ancora più diffusa e insidiosa. Il primo passo per affrontarne correttamente i sintomi e impedire che diventi dominante nella nostra vita è conoscere la differenza tra ansia di stato e ansia di tratto.
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- come l’ansia di stato si manifesti quando siamo minacciati da una situazione allarmante o potenzialmente pericolosa, permettendoci di reagire in modo coerente ed efficace;
- come, per contro, l’ansia di tratto sia una caratteristica innata della personalità, che spinge a rispondere agli eventi in modo esagerato e, in ultima analisi, controproducente;
- che cosa segnala, nei bambini anche molto piccoli, la presenza di una forte ansia di tratto;
- perché, per vivere più sereni, è importante prima di tutto conoscere la propria vulnerabilità all’ansia;
- il decisivo ruolo degli stili di vita nel limitare gli effetti dell’ansia e nel potenziare, entro certi limiti, la capacità di tollerare gli stimoli che scatenano lo stato di allarme;
- perché, in particolare, sono di fondamentale importanza il rispetto del sonno e il movimento fisico quotidiano;
- perché, al contrario, non bisogna mai affidare all’alcol il compito di sedare l’agitazione.

Realizzazione tecnica di Monica Sansone

Parole chiave:
Alcol Ansia Genetica e fattori genetici Sonno, insonnia e disturbi del sonno Sport e movimento fisico Stili di vita

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato su questo e altri temi di salute e benessere con la nostra newsletter quindicinale

Iscriviti alla newsletter