Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
11/06/2017

Fitwalking - I benefici in gravidanza


Graziottin A.
Fitwalking – I benefici in gravidanza
Articolo originale per i medici

L’esercizio fisico aiuta ad affrontare meglio gli sforzi richiesti dalla gravidanza e dal parto, oltre ad aumentare resistenza, agilità, forza e capacità respiratoria. Dopo il parto, inoltre, aiuta a perdere gli eventuali chilogrammi in eccesso, apportando indubbi benefici dal punto di vista sia fisico sia psicologico.
Il fitwalking, adattato alle condizioni fisiche della gravidanza e del post parto, è sicuramente un valido alleato.
La gravidanza, per il corpo della donna, è un po’ come una competizione sportiva: la crescita del piccolo richiede la collaborazione di tutti gli organi come quando si fa attività sportiva. Circolazione, metabolismo, respirazione e tutto l’apparato motorio vengono impegnati durante queste 40 settimane… quasi i chilometri di una maratona!
Il meglio per prepararsi a questa “gara” sono gli sport di resistenza perché danno energia, eliminano lo stress e accrescono la resistenza e la fiducia in sé, l’ideale in vista del traguardo: il parto.
La credenza che lo sport sia proibito durante la gestazione è da tempo superata. Però le future mamme, soprattutto all’inizio dell’attesa, dovrebbero iniziare a praticarlo poco per volta: e meglio se si tratta di un’attività di basso impatto, come il fitwalking.
Il fitwalking è lo sport ideale sia in gravidanza sia dopo il parto perché non è traumatico, allena tutte le fasce muscolari (schiena compresa), è facilmente modulabile in base alle esigenze della donna e, dopo il parto, con i debiti adattamenti, può essere praticato anche con il bambino.
I benefici a livello psico-fisico e lo scarico delle tensioni e dello stress provocati dall’attività fisica a passo di fitwalking aiutano durante il puerperio a prevenire e combattere i pericoli e i problemi della depressione post parto.
Il cammino va inoltre ad agire in modo naturale sul pavimento pelvico con un’azione di rinforzo che la corsa, ad esempio, non ha: è anzi sconsigliata.
Una camminata vigorosa a passo di fitwalking, intervallata da alcuni esercizi mirati per gambe e braccia, può essere praticata anche con la carrozzina: in questo caso le braccia non potranno essere utilizzate per dare spinta al cammino, ma si potrà mantenere un’ampia falcata e il tipico movimento a tampone del piede, così da allenare gambe e glutei.
Le mamme che utilizzano le fasce e i marsupi possono trovare nel cammino un’attività per concedersi una salutare pausa all’aria aperta a stretto contatto con il proprio bambino.

top

Perché fare sport durante la gravidanza?

- I bambini delle donne allenate nascono molto vitali
- Il dondolio in grembo favorisce lo sviluppo del bambino, e in particolare degli organi di senso
- Il movimento aiuta le future mamme a mantenere una postura corretta e previene i disturbi tipici della gravidanza (insufficienza venosa, crampi ai polpacci…)
- L’attività fisica regolare, rispettando il proprio livello di allenamento fisico, abbassa l’infiammazione generale del corpo (sistemica) , che altrimenti causa o peggiora sia diverse patologie della gravidanza, sia la neuroinfiammazione, base biologica della depressione
- Sentirsi in forma migliora l’umore

Leggi anche:
Fitwalking: l'arte della camminata in gravidanza
Fitwalking – Aspetti generali
Fitwalking in gravidanza: consigli per l'uso

top


© 2017 - Prof. Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.alessandragraziottin.it).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.