EN

Sindrome della policistosi ovarica: i benefici della contraccezione ormonale

Sindrome della policistosi ovarica: i benefici della contraccezione ormonale

28/05/2020

Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Sintesi del video e punti chiave

La sindrome della policistosi ovarica (PCOS) è una patologia complessa che richiede una diagnosi tempestiva e una terapia personalizzata: solo così si possono proteggere con efficacia fertilità, bellezza e salute a lungo termine. In questo contesto, la contraccezione ormonale – pillola, cerotto transdermico, anello vaginale – offre benefici decisivi in molteplici ambiti.
In questo video, la professoressa Graziottin illustra:
- come un contraccettivo su misura consenta di mettere a riposo l’ovaio, di aumentare la produzione della sex hormone binding globulin (SHBG) e di ridurre la sintesi della 5-alfa-reduttasi, tre azioni che abbassano i livelli di testosterone con positive conseguenze metaboliche ed estetiche;
- come la terapia contraccettiva permetta inoltre di preservare le condizioni anatomiche e funzionali dell’ovaio, e di mantenere un profilo di fertilità ottimale;
- perché, in particolare, l’azione sulla SHBG e sulla 5-alfa-reduttasi ha un effetto terapeutico sull’evoluzione della sindrome;
- le formulazioni contraccettive più indicate nel breve e nel lungo periodo;
- i benefici del mio-inositolo sull’utilizzo periferico dell’insulina;
- a quali condizioni, in caso di forte obesità, si può ricorrere anche alla metformina.

Realizzazione tecnica di Monica Sansone

Parole chiave:
Acne e acne cistica Bellezza Fertilità e infertilità Metabolismo / Malattie dismetaboliche Sindrome della policistosi ovarica Stili di vita Terapia contraccettiva Testosterone Utilizzo periferico dell'insulina

Iscriviti alla newsletter