Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
segnala
10/03/2016

Rischio ostetrico: da cosa dipende, come ridurlo – Parte 3


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Rischio ostetrico: da cosa dipende, come ridurlo – Parte 3

Scarica l'intervista:
Rischio ostetrico: da cosa dipende, come ridurlo – Parte 3
(9.439 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

La scorsa settimana abbiamo esaminato una delle principali cause di emorragia al momento del parto: l’adesione eccessiva della placenta alla parete dell’utero (placenta accreta, increta e percreta). Oggi illustriamo le altre due cause di emorragia – la placenta previa e il distacco intempestivo di placenta – e, più in generale, alcuni fattori di rischio che possono compromettere il buon esito del travaglio.
Nella terza parte di questa intervista, la professoressa Graziottin illustra:
- che cosa significa “placenta previa” e che cosa accade, al momento del parto, quando si verifica questa situazione;
- come la placenta previa sia diagnosticabile con l’ecografia;
- come in questi casi sia importante rivolgersi a un centro ostetrico di eccellenza e procedere al parto cesareo di elezione prima che inizi il travaglio;
- che cosa si intende per “distacco intempestivo di placenta” e i possibili fattori di rischio (ipertensione, diabete);
- come l’ipertensione, in particolare, possa provocare non solo il distacco precoce di placenta, ma anche emorragie fatali e un grave sovraccarico renale;
- come il diabete possa comparire prima o durante la gravidanza, e perché va monitorato con attenzione;
- altri fattori di rischio generale: età superiore ai 35 anni, basso livello di istruzione, sedentarietà;
- da quale termine latino deriva la parola “ostetricia” e qual è il suo significato più autentico;
- come la gravidanza e il parto possano essere ad alto, medio e basso rischio, ma mai a rischio “zero”;
- perché è prioritario accorpare i centri ostetrici e garantire la presenza in sala parto di tutto il personale necessario;
- l’importanza di linee guida rigorose e di un’adeguata formazione medica e ostetrica sui rischi da emorragia.

Per gentile concessione di Radio Gamma Cinque

top


Audio e video stream correlati:
Rischio ostetrico: da cosa dipende, come ridurlo – Parte 4
Rischio ostetrico: da cosa dipende, come ridurlo – Parte 2
Rischio ostetrico: da cosa dipende, come ridurlo – Parte 1

Parole chiave:
Diabete - Gravidanza - Ipertensione - Parto vaginale / Parto cesareo - Placenta e anomalie della placenta - Rischio ostetrico

segnala

© 2016 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.