Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
19/01/2012

Profilattico: nessun ostacolo all'intimità per i giovani sicuri di sé


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati, Milano
Profilattico: nessun ostacolo all'intimità per i giovani sicuri di sé

Sintesi del video e punti chiave

«Il profilattico? Un disastro: lo sento addosso, mi distrae e mi toglie tutto il piacere». E’ quanto sostengono molti ragazzi alle prese con le prime esperienze sessuali. Verità o leggenda metropolitana? Come stanno davvero le cose? Un recente studio condotto su un consistente numero di giovani rivela in realtà che tutto dipende dalla sicurezza che l’uomo ha di sé, della propria mascolinità e della propria capacità di mantenere un’erezione di qualità.
Che cosa emerge, nel dettaglio, da questo studio?
In questa “Love FAQ” in collaborazione con Deejay TV, la professoressa Graziottin illustra:
- come gli uomini che usano con disinvoltura il profilattico siano molto sicuri di sé e talmente esperti da riuscire a metterlo senza distrarsi dal gioco amoroso, e persino senza che lei se ne accorga,
- come, al contrario, gli uomini che ne sono infastiditi siano insicuri e maldestri, al punto che le manovre per utilizzarlo finiscono davvero per deconcentrarli, rovinando l’atmosfera e la tenuta fisica;
- che cosa fare per migliorare la competenza nell’uso del profilattico e la capacità di mantenere alta la tensione amorosa;
- le indicazioni che una ragazza può trarre da tutto ciò circa l’affidabilità, il senso di responsabilità, ma anche la solidità erotica del proprio partner.

Per gentile concessione di Deejay TV

top


Audio e video stream correlati:
Malattie sessualmente trasmesse: come si diffondono, come difendersi – Parte 2
Adolescenti: i segreti dell'amore sicuro
Profilattico: come usarlo in modo corretto?

Parole chiave:
Adolescenti e giovani - Profilattico


© 2012 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.