Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
21/11/2019

Dolore pelvico: cause acute e croniche – Parte 2


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Dolore pelvico: cause acute e croniche – Parte 2

Scarica l'intervista:
Dolore pelvico: cause acute e croniche – Parte 2
(5.771 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

L’endometriosi è una patologia complessa e impegnativa che provoca dolore pelvico cronico. Oggi assistiamo a un radicale mutamento dei paradigmi diagnostici, che mira a rendere più tempestive ed efficaci le terapie. Al centro della questione, la consapevolezza che la verità dei sintomi del corpo è più importante delle indicazioni degli esami strumentali e che la semeiotica medica è fondamentale per proteggere la salute e la qualità di vita delle pazienti.
Nella seconda parte di questa intervista, la professoressa Graziottin illustra:
- il cambiamento di visione clinica introdotto dalle più recenti linee guida internazionali sull’endometriosi;
- perché, in particolare, devono essere le caratteristiche del dolore, e non più gli esiti degli esami strumentali, a suggerire l’esistenza di un’endometriosi e, di conseguenza, a orientare le scelte terapeutiche;
- che cos’è, come si tiene e a che cosa serve il diario del dolore;
- come il dolore mestruale correlato all’endometriosi si accompagni spesso a sintomi vescicali e intestinali, a cefalea catameniale, a un inasprimento dei disturbi da fibromialgia, e a sciatalgia.

Per gentile concessione di Radio Gamma Cinque

top

Parole chiave:
Diagnosi differenziale - Diario del dolore - Dolore mestruale / Dismenorrea - Dolore pelvico cronico - Endometriosi


© 2019 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.