Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
05/05/2016

Asma mestruale: fisiopatologia e terapia


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano

Intervista rilasciata in occasione del 17th World Congress of Gynecological Endocrinology, organizzato dalla International Society of Gynecological Endocrinology (ISGE), Firenze, 2-5 marzo 2016
Asma mestruale: fisiopatologia e terapia

Sintesi del video e punti chiave

Il 28 per cento delle donne soffre di attacchi violenti d’asma durante le mestruazioni, con frequenti ricoveri in pronto soccorso, necessità di terapie drastiche come il cortisone in vena o l’intubazione, e a volte esiti fatali. Eppure l’asma mestruale rimane un sintomo poco considerato e di conseguenza poco curato.
In questo video la professoressa Graziottin illustra:
- perché la mestruazione può scatenare severi attacchi d’asma nelle donne predisposte;
- come l’asma possa peggiorare, seppure in misura minore, anche in corrispondenza dell’ovulazione;
- il grave impatto emotivo che le ripetute crisi hanno sulla donna e i suoi familiari;
- perché l’asma può essere ulteriormente esasperata dall’anemia;
- i rimedi: cure per l’eventuale anemia ed eliminazione del ciclo con una pillola contraccettiva in continua (se non sussistono controindicazioni maggiori all’uso dell’anticoncezionale);
- l’importanza di una stretta collaborazione fra pneumologi, ginecologi e medici di famiglia nel contrastare con efficacia questo grave problema.

Realizzazione tecnica di MedLine.TV

top


Audio e video stream correlati:
Il dolore nella donna: fattori biologici – Parte 2
Il dolore nella donna: fattori biologici – Parte 1

Parole chiave:
Anemia - Asma / Asma perimestruale - Infiammazione - Mestruazioni / Disturbi mestruali - Ovulazione - Pillola contraccettiva continuativa


© 2016 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.