Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
stampa
21/03/2018

Lui è troppo veloce: un rimedio farmacologico


Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano


“Ho 30 anni e da un anno circa ho un nuovo fidanzato con cui vado molto d’accordo su tutti i fronti della vita. Purtroppo abbiamo un problema sessuale che rischia di rovinare tutto: lui è troppo veloce e io, che ho sempre avuto una bella vita sessuale con orgasmi molto soddisfacenti durante la penetrazione, non ci riesco più. Dapprima ho minimizzato, ma adesso mi rendo conto che o riusciamo ad affrontare il problema o salta tutto! Lui ha anche iniziato una terapia sessuologica, ma senza risultati. Che cosa ci consiglia?”.
Giorgia C. (Brescia)

top

Suggerirei un approccio pragmatico: ridurre l’ipersensibilità al glande che per molti uomini è la ragione prima di un troppo breve “tempo di latenza eiaculatoria intravaginale”, ossia il tempo che intercorre tra inizio della penetrazione ed eiaculazione. Questo tempo è considerato segno di eiaculazione precoce severa quando è inferiore al minuto, media se inferiore ai due minuti.
Le caratteristiche principali dell’eiaculazione precoce, oltre al breve tempo, sono la difficoltà/impossibilità dell’uomo di decidere “quando” eiaculare (che cos’è la potenza senza controllo?), la perdita di piacere per lui e per lei, lo stress e i conseguenti problemi di coppia. In particolare, ben il 52% delle donne partner di uomini che soffrono di eiaculazione precoce lamenta la difficoltà o l’impossibilità di avere l’orgasmo durante la penetrazione.
E’ quindi necessario curare il problema, che ha una forte base genetica, prima che la relazione si deteriori ulteriormente, come lei giustamente teme. Attualmente è disponibile su prescrizione medica uno spray a base di prilocaina e lidocaina, da spruzzare sul glande poco prima del rapporto. In soli 5 minuti l’ipersensibilità si riduce e questo consente all’uomo un migliore controllo, ossia di tenere un’erezione valida e di maggiore durata, concentrandosi sul piacere proprio e della partner, invece che sul tentare di tirare il freno a mano a tutti i costi.
Si possono usare da uno a tre spruzzi: ogni uomo troverà la dose giusta per il proprio caso. L’applicazione può essere ripetuta dopo 20-30 minuti, se nell’entusiasmo ritrovato la coppia desidera divertirsi più a lungo. In parallelo, l’uomo dovrebbe imparare a usare il respiro diaframmatico (respiro di pancia, o tantrico) per ridurre l’ansia e aumentare la capacità di assaporare le sensazioni erotiche senza perdere il controllo.

top

Prevenire e curare – Spray terapeutico: perché serve la prescrizione medica

In caso di eiaculazione precoce la valutazione clinica uro-andrologica è importante:
- per diagnosticare le forme primarie (80%,) che hanno base genetica, e differenziarle dalle secondarie (20%), che compaiono dopo mesi o anni di normale tempo e controllo eiaculatorio;
- individuare eventuali fattori peggiorativi: prostatiti, malattie sessualmente trasmesse, patologie tiroidee, che devono essere diagnosticate e curate perché la terapia ritardante con lo spray possa poi essere pienamente soddisfacente.

top

Parole chiave:
Eiaculazione precoce - Rapporto di coppia - Terapia medica

stampa

© 2018 - RCS Periodici

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.