Alessandra GraziottinAlessandra Graziottin
Condividi su
23/01/2020

Leggere fa bene, ancor di più se a voce alta


Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica
H. San Raffaele Resnati, Milano
Sintesi dell'intervista e punti chiave

Leggere fa bene, ancor di più se a voce alta

Scarica l'intervista:
Leggere fa bene, ancor di più se a voce alta
(8.088 kByte)

Sintesi dell'intervista e punti chiave

Leggere è un’attività fondamentale per accrescere la cultura e alimentare l’intelligenza cognitiva. Ma ha anche importanti conseguenze sulla salute generale, sulle prestazioni complessive del cervello e sull’intelligenza emotiva. Questi benefici aggiuntivi si osservano, in particolare, quando si legge a voce alta: una prassi comune nel mondo antico, che non tendeva a praticare la lettura mentale, e di cui oggi riscopriamo la validità anche sul piano scientifico.
In questa intervista, la professoressa Graziottin illustra:
- perché leggere a voce alta educa innanzitutto a parlare meglio e in modo più chiaro;
- come la lettura a voce alta abbia un impatto positivo anche sul respiro, sulla pressione sanguigna e, in generale, su tutti i parametri di funzionamento del sistema neurovegetativo;
- che cosa succede nel cervello quando si legge scandendo bene le parole;
- gli altri alleati della salute cerebrale: stili di vita sani, movimento fisico regolare e, nelle donne in menopausa, un aiuto ormonale su misura (se non controindicato);
- perché è importante leggere a voce alta anche in piccoli gruppi, in età scolare o nelle case di riposo per anziani.

Per gentile concessione di Radio Gamma Cinque

top

Parole chiave:
Anziani - Cervello / Sistema nervoso centrale - Comunicazione - Infanzia - Intelligenza cognitiva - Libri e lettura - Riflessioni di vita - Stili di vita


© 2020 - Prof. Alessandra Graziottin

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico.